Carciofo violetto di Castellammare

Italia

Campania

Ortaggi e conserve vegetali

Torna all'archivio >
Carciofo violetto di Castellammare

Il carciofo di Castellammare è un sottotipo della varietà Romanesco, da cui si differenzia per l’epoca di produzione anticipata e il colore delle bratte, verdi con sfumature viola. La precocità è data dalla particolare mitezza del clima e dall’abitudine di rigenerare le piante ogni anno. All’epoca della ripresa vegetativa vengono scelti i migliori carducci, i germogli erbacei laterali che spuntano tutt’intorno alle piante madri, prelevati insieme a piccole porzioni di rizoma e trapiantati a dimora.
La sua origine affonda le radici nell’epoca romana: una frazione di Castellammare di Stabia, Schito, era considerata al tempo particolarmente vocata all’orticoltura. Prova ne è che la zona, non lontana da Pompei, era identificata con il toponimo “orti di Schito”.
Un’altra particolarità è data dall’antica tecnica colturale, tradizionalmente associata a tale varietà. Era uso, infatti, coprire la prima infiorescenza apicale (mamma o mammolella) con coppette di terracotta (pignatte o pignattelle) realizzate a mano da artigiani locali. La protezione dai raggi del sole, assicurata dalla pignatta nella fase di accrescimento del carciofo, lo rende particolarmente tenero e chiaro.
Il carciofo è un ingrediente dalla grande versatilità, impiegato in diverse preparazioni, dall’antipasto al secondo. Ha un legame forte con la tradizione della Pasqua, che normalmente coincide con il periodo centrale della produzione. In particolare, il carciofo arrostito nella brace è il piatto simbolo del lunedì di Pasquetta. Si usa il carciofo intero, posto direttamente nella brace di un barbecue. Quando è cotto (dopo circa mezz’ora) viene ripulito delle foglie bruciacchiate, condito con sale, pepe, prezzemolo, aglietto fresco e un filo di olio e consumato in abbinamento agli insaccati della tradizione contadina (in particolare dei Monti Lattari): salame e soppressata.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No

Stagionalità

La raccolta si effettua come primizia da fine febbraio ad aprile/maggio, il periodo centrale della produzione coincide con le festività pasquali.

Torna all'archivio >
La piana che dalle pendici del Vesuvio si stende fino a Castellammare e Sant’Antonio Abate, è storicamente uno dei centri di riferimento per l’orticoltura del centro-sud Italia. Negli ultimi trent’anni, la cementificazione selvaggia e il boom della floricoltura hanno notevolmente ridotto gli spazi dedicati alle coltivazioni tradizionali. Il Presidio mira alla riconversione all’orticoltura dei terreni storici, attraverso la promozione di uno dei prodotti simbolo della cucina campana e napoletana in particolare. Nel periodo di raccolta le mamme sono molto ricercate sul mercato napoletano per la grande qualità organolettica, mentre i carciofini più piccoli sono poi usati per la trasformazione sott'olio. Area di produzione Comuni di Castellammare di Stabia, Gragnano, Pompei, Sant'Antonio Abate, Santa Maria La Carità (provincia di Napoli).
Terra Amore e Fantasia di Sabato Abagnale Sant'Antonio Abate (Na) via De Luca, 23 tel. 081 8735300 347 1135440 info@terraslow.it www.terraslow.it Sabato Abagnale produce i carciofi violetti di Castellammare sott'olio conferiti anche da Gennaro D'Auria e Rocco Ferdinando. Sabato Abagnale accoglie su prenotazione gruppi - minimo di 15 persone e massimo 40 - per degustare i prodotti trasformati nella sua azienda, e i piatti tipici del territorio che hanno come ingredienti gli ortaggi prodotti in azienda. Organizza inoltre da ottobre a giugno corsi di cucina e escursione ai due siti archeologici romani di Castellammare di Stabia: Villa Arianna e Villa San Marco, e visite dai produttori caseari dei vicini monti Lattari. Orto di Carmela Castellammare di Stabia (Na) Strada Napoli 304 tel. 347 674 4925 info@ortodicarmela.com www.ortodicarmela.com Orti di Schito di Salvatore Di Ruocco Castellammare di Stabia (Na) Via Fosso Luna 12 tel. 392 3986560 ortidischito@libero.it
Referente dei produttori del Presidio Sabato Abagnale tel. 081 8735300 - 347 1135440 info@terraslow.it Responsabile Slow Food del Presidio Carmela Rita Abagnale tel. 081 8710157 - 339 1298903 carmelarita.abagnale@email.it
La piana che dalle pendici del Vesuvio si stende fino a Castellammare e Sant’Antonio Abate, è storicamente uno dei centri di riferimento per l’orticoltura del centro-sud Italia. Negli ultimi trent’anni, la cementificazione selvaggia e il boom della floricoltura hanno notevolmente ridotto gli spazi dedicati alle coltivazioni tradizionali. Il Presidio mira alla riconversione all’orticoltura dei terreni storici, attraverso la promozione di uno dei prodotti simbolo della cucina campana e napoletana in particolare. Nel periodo di raccolta le mamme sono molto ricercate sul mercato napoletano per la grande qualità organolettica, mentre i carciofini più piccoli sono poi usati per la trasformazione sott'olio. Area di produzione Comuni di Castellammare di Stabia, Gragnano, Pompei, Sant'Antonio Abate, Santa Maria La Carità (provincia di Napoli).
Terra Amore e Fantasia di Sabato Abagnale Sant'Antonio Abate (Na) via De Luca, 23 tel. 081 8735300 347 1135440 info@terraslow.it www.terraslow.it Sabato Abagnale produce i carciofi violetti di Castellammare sott'olio conferiti anche da Gennaro D'Auria e Rocco Ferdinando. Sabato Abagnale accoglie su prenotazione gruppi - minimo di 15 persone e massimo 40 - per degustare i prodotti trasformati nella sua azienda, e i piatti tipici del territorio che hanno come ingredienti gli ortaggi prodotti in azienda. Organizza inoltre da ottobre a giugno corsi di cucina e escursione ai due siti archeologici romani di Castellammare di Stabia: Villa Arianna e Villa San Marco, e visite dai produttori caseari dei vicini monti Lattari. Orto di Carmela Castellammare di Stabia (Na) Strada Napoli 304 tel. 347 674 4925 info@ortodicarmela.com www.ortodicarmela.com Orti di Schito di Salvatore Di Ruocco Castellammare di Stabia (Na) Via Fosso Luna 12 tel. 392 3986560 ortidischito@libero.it
Referente dei produttori del Presidio Sabato Abagnale tel. 081 8735300 - 347 1135440 info@terraslow.it Responsabile Slow Food del Presidio Carmela Rita Abagnale tel. 081 8710157 - 339 1298903 carmelarita.abagnale@email.it

Territorio

NazioneItalia
RegioneCampania

Altre informazioni

CategorieOrtaggi e conserve vegetali