Agnello d’Alpago

Italia

Veneto

Razze animali e allevamento

Torna all'archivio >
Agnello d’Alpago

A metà strada tra Cortina d’Ampezzo e Venezia, a pochi chilometri da Belluno, la conca dell’Alpago è da sempre un luogo ideale per la pastorizia, attività principale nei comuni di Alpago, Chies e Tambre fino al secondo dopoguerra. E l’Alpago ha dato il nome a una razza ovina autoctona di taglia medio-piccola, dalla curiosa maculatura scura sulla testa e sulla parte inferiore degli arti, dal mantello folto, fine e ondulato che la ricopre totalmente, dal ginocchio e dal garretto fino alla regione frontale. Senza corna, con orecchie corte e profilo leggermente montonino, è una razza rustica, adatta all’ambiente alpino, ma altrettanto idonea all’allevamento in stalla. Come la maggior parte delle razze autoctone, si è drasticamente ridotta nel secolo scorso: oggi sono presenti in zona circa 3000 capi, una leggera ripresa rispetto ai primi anni Novanta, quando la Comunità Europea la inserì tra le specie locali minacciate di estinzione. Considerata ovino a triplice attitudine, cioè valida sia per la carne sia per la produzione di latte e di lana, oggi l’alpagota è allevata quasi esclusivamente per l’ottima carne: saporita, tenera e compatta allo stesso tempo, può reggere il confronto con i più celebri pre-salé d’oltralpe. Gli agnelli migliori sono quelli macellati a 55, 65 giorni dalla nascita e con un peso da vivi di 18, 25 chilogrammi.
L’agnello d’Alpago ha una carne tenerissima, che si sfalda in bocca, un giusto equilibrio di grasso-magro, sensazioni che non sanno mai di selvatico, al limite di erbe aromatiche.
È perfetto anche in abbinamento ai piatti poveri della tradizione locale come la patora, zuppa di mais e legumi, oppure la bagozia, una sorta di polenta fatta con patate, mais, legumi e anche salame e pancetta.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo

Stagionalità

La carne di agnello può essere reperita durante l’anno a seconda dei cicli riproduttivi della razza e in particolare, tra dicembre e aprile.

Torna all'archivio >
Un disciplinare, sottoscritto dagli allevatori dell’Alpago riuniti nell’associazione Fardjma, Presidio Slow Food, si propone di tracciare alcune linee guida fondamentali per allevare l’agnello in modo da ottenere carni di alta qualità. Come sempre, l’alimentazione naturale è indispensabile per ottenere carni eccellenti: allevamento allo stato brado, con alimentazione a base di foraggio di prato, oppure semibrado con l’integrazione di fieno prodotto in loco e sfarinati di cereali. L’uso dell’ ovile è permesso solo a condizione di garantire il benessere degli animali e un accrescimento sano ed equilibrato. Il Presidio ha registrato un marchio proprio, “Agnello d’Alpago”, e garantisce la completa tracciabilità del prodotto: l’etichetta apposta sulle carni riporta il marchio, il nome e l’indirizzo dell’allevatore e i codici del macello e dell’allevamento. La pecora d' Alpago ha mantello folto, fine e caldo, dalla quale si ottiene una lana pregiata, soffice e compatta, piacevole al tatto, capace di mantenere il calore e allo stesso tempo la leggerezza. Da alcuni anni vengono confezionati prodotti unici: coperte, tabarri, cappelli e pantofole. Esiste una rete di vendita a livello provinciale dei prodotti in lana; prossima l'apertura di una piattaforma e-commerce.


Area di produzione
Alpago, Tambre e zone limitrofe (provincia di Belluno).










Gli allevatori appartengono alla società agricola cooperativa:

Fardjma
Tambre (Bl)
Via Pianon, 7
Tel. 334 6006857
zack2036@alice.it

Gli allevatori del Presidio sono:

Lorena Bortoluzzi, Luca Dario De Pra, Sebastiano Fullin, Andreina Paulon, Samuele Pianon, Luca Soccal e Massimiliano Sperti di Alpago. Dario Emeri.
Gabriella Barattin e Zaccaria Tona di Chies d’Alpago. Adriano Dal Mas di Limana. Lorenzo Bona, Roberto Bortoluzzi, Alessandro Fullin, Attilio Fullin, Alex Gava, Menel Stella, Claudio Lavina Urbano Lavina e Franco Pianon di Tambre.

Macellerie e negozi autorizzati
 
 
La Coop di Lamosano               
Via della Conciliazione 161  
Lamosano BL  
 
De March Gianni                       
Via Cal Vecia 7                       
Tambre BL         
 
Cavarzano Carni                       
Via Cavarzano 46                  
Belluno BL 
 
Beghin  Albano                           
Via  Euganea   48                  
Teolo PD
 
Il Piacere della Carne               
Via Lanzaghe  34                   
Silea TV
 
Fabio Furlan                              
Via F.Filzi 48                          
Istrana TV
 
F.lli Mazzaro                              
Via Zermanese  48/b             
Mogliano Veneto TV
 
Stecca                                    
Borgo Cavour  4                    
Treviso TV
 
Carpitella                          
Corso del Popolo 53               
Mestre VE
 
Fedalto                               
 Via Caneve 16                        
Mestre VE
 
Gusto & Fantasia                 
Piazza Wagner                       
Milano MI
 
Superm. Cadoro                                  
Vittorio Veneto e Conegliano TV
Referente
Zaccaria Tona
Tel. +39 0437 40443
zack2036@alice.it

Referente Slow Food
Luca Pessot
Tel. +39 335 284634
luca.pessot@virgilio.it
Un disciplinare, sottoscritto dagli allevatori dell’Alpago riuniti nell’associazione Fardjma, Presidio Slow Food, si propone di tracciare alcune linee guida fondamentali per allevare l’agnello in modo da ottenere carni di alta qualità. Come sempre, l’alimentazione naturale è indispensabile per ottenere carni eccellenti: allevamento allo stato brado, con alimentazione a base di foraggio di prato, oppure semibrado con l’integrazione di fieno prodotto in loco e sfarinati di cereali. L’uso dell’ ovile è permesso solo a condizione di garantire il benessere degli animali e un accrescimento sano ed equilibrato. Il Presidio ha registrato un marchio proprio, “Agnello d’Alpago”, e garantisce la completa tracciabilità del prodotto: l’etichetta apposta sulle carni riporta il marchio, il nome e l’indirizzo dell’allevatore e i codici del macello e dell’allevamento. La pecora d' Alpago ha mantello folto, fine e caldo, dalla quale si ottiene una lana pregiata, soffice e compatta, piacevole al tatto, capace di mantenere il calore e allo stesso tempo la leggerezza. Da alcuni anni vengono confezionati prodotti unici: coperte, tabarri, cappelli e pantofole. Esiste una rete di vendita a livello provinciale dei prodotti in lana; prossima l'apertura di una piattaforma e-commerce.


Area di produzione
Alpago, Tambre e zone limitrofe (provincia di Belluno).










Gli allevatori appartengono alla società agricola cooperativa:

Fardjma
Tambre (Bl)
Via Pianon, 7
Tel. 334 6006857
zack2036@alice.it

Gli allevatori del Presidio sono:

Lorena Bortoluzzi, Luca Dario De Pra, Sebastiano Fullin, Andreina Paulon, Samuele Pianon, Luca Soccal e Massimiliano Sperti di Alpago. Dario Emeri.
Gabriella Barattin e Zaccaria Tona di Chies d’Alpago. Adriano Dal Mas di Limana. Lorenzo Bona, Roberto Bortoluzzi, Alessandro Fullin, Attilio Fullin, Alex Gava, Menel Stella, Claudio Lavina Urbano Lavina e Franco Pianon di Tambre.

Macellerie e negozi autorizzati
 
 
La Coop di Lamosano               
Via della Conciliazione 161  
Lamosano BL  
 
De March Gianni                       
Via Cal Vecia 7                       
Tambre BL         
 
Cavarzano Carni                       
Via Cavarzano 46                  
Belluno BL 
 
Beghin  Albano                           
Via  Euganea   48                  
Teolo PD
 
Il Piacere della Carne               
Via Lanzaghe  34                   
Silea TV
 
Fabio Furlan                              
Via F.Filzi 48                          
Istrana TV
 
F.lli Mazzaro                              
Via Zermanese  48/b             
Mogliano Veneto TV
 
Stecca                                    
Borgo Cavour  4                    
Treviso TV
 
Carpitella                          
Corso del Popolo 53               
Mestre VE
 
Fedalto                               
 Via Caneve 16                        
Mestre VE
 
Gusto & Fantasia                 
Piazza Wagner                       
Milano MI
 
Superm. Cadoro                                  
Vittorio Veneto e Conegliano TV
Referente
Zaccaria Tona
Tel. +39 0437 40443
zack2036@alice.it

Referente Slow Food
Luca Pessot
Tel. +39 335 284634
luca.pessot@virgilio.it

Territorio

NazioneItalia
RegioneVeneto

Altre informazioni

CategorieRazze animali e allevamento