Orto familiare Bernardo Mussonde

Torna all'archivio >

Angola

Namibe

Stiamo preparando la descrizione di questo orto.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No

Slow Food in Angola

L’Angola è un paese dell’Africa australe in prevalenza montagnoso, ricoperto da altopiani e con un litorale molto lungo che si amplia nella zona sud, proprio quando incomincia il deserto di Namibe. Vi sono presenti ancora varie popolazioni indigene derivanti dalla macro famiglia linguistica dei Bantu. La trentennale guerra civile angolana è finita nel 2002, pochi anni dopo il petrolio ha dato un impulso vertiginoso a un certo tipo di economia che risalta dai moltissimi cantieri sparsi per il paese. Slow Food in Angola incomincia a fare i primi passi nel 2014 grazie al Progetto G.L.o.B. che ha coinvolto la Fondazione Slow Food per la Biodiversità ONLUS, la Regione Veneto, la Fondazione di Venezia, lo stato di Bahia in Brasile, la municipalità di Maputo in Mozambico e la Provincia di Namibe in Angola e l’ONG Cospe. La rete si sviluppa attorno al progetto dei 10 000 orti in Africa e al settore della piccola pesca. Gli orti angolani si trovano nelle aree di Cavelocamue e Bibala, nella municipalità di Virei, al sud del paese, e sono caratterizzati dalla salvaguardia dei prodotti tradizionali della cultura Mucubal. Le attività legate alla pesca si svolgono nella provincia di Namibe (Angola sudoccidentale) e coinvolgono soprattutto comunità di donne trasformatrici dei prodotti ittici.

Informazioni sull'orto

Tipologia:Comunitario
Condotta Slow Food:Embondeiro
Coordinatore:Matteo Tonini