Nasce il Presidio sui metodi tradizionali di pesca delle isole Kerkennah

foto tunisiaSlow Food lancerà il 9 dicembre in Tunisia il Presidio sui metodi tradizionali di pesca delle isole Kerkennah, progetto sostenuto da Lighthouse Foundation. Kerkennah è un arcipelago composto da 10 isole, nel golfo di Gabes, davanti alla città di Sfax ed è chiamato “il vivaio del Mediterraneo”, grazie alla presenza di posidonie che favoriscono la riproduzione dei pesci.

I pescatori di Ouled Ezzedine praticano una pesca artigianale basata su strumenti antichissimi e su un sistema di gestione comune delle risorse:

  • La charfia, simbolo della pesca artigianale sull’isola, è una sorta di labirinto fisso costruito allineando migliaia di foglie di palma, che grazie alle correnti indirizza i pesci verso le camere di cattura. Si tratta di un sistema di gestione unico in ambito marittimo arabo-musulmano: le famiglie dell’isola utilizzano parcelle di mare adibite alla charfia e se ne tramandano l’uso di generazione in generazione.
  • Le nasse (drina), trappole a doppio cono costruite con foglie di palma in cui pesci e polpi entrano ma dalle quali difficilmente riescono a liberarsi.
  • Le gargoulettes, anfore in terracotta tradizionalmente utilizzate per contenere acqua o vino, ma che a Kerkennah (e in alcune altre regioni costiere della Tunisia) sono sistemate in mare, poco lontano dalla costa, e utilizzate come trappole per i polpi, che entrano per cercare rifugio ma non riescono più ad uscirne. Nasse e gargoulettes sono oggi sostituite da equivalenti in plastica, abbandonati in mare una volta terminato il loro ciclo d’uso.

L’obiettivo del Presidio, di cui oggi fanno parte 5 pescatori, è sensibilizzare la popolazione dell’isola e gli altri pescatori sull’importanza di preservare la pesca artigianale e dare valore alla gastronomia locale. Questo gruppo di pescatori si è impegnato anche a integrare la pesca con l’agricoltura, prendendosi cura anche delle palme da dattero, perno dell’ecosistema dell’isola. La palma da dattero è oggi minacciata perché sostituita da colture più redditizie come l’ulivo. Le foglie della palma da dattero in particolare, come altri materiali presenti sull’isola (come la terracotta o l’erba alfa alfa), utilizzati per il confezionamento degli strumenti di pesca, sono stati progressivamente rimpiazzati dalla plastica

Il Presidio ha fatto anche riportare in vita la tradizione del rinnovo collettivo della charfia: ogni estate la comunità organizza il festival della charfia, durante il quale gli uomini, in mare, allineano le foglie di palma necessarie per la struttura della charfia, mentre le donne cucinano i deliziosi piatti della tradizione locale, come il couscous d’orzo con il polpo e la zuppa di pesce.

Chiunque abbia assaggiato il pesce catturato con la charfia concorda: è più buono, perché il pesce “aspetta”, tranquillamente e senza ferite, il passaggio dei pescatori che lo raccolgono.

Il Presidio sui metodi tradizionali di pesca delle isole Kerkennah è il secondo Presidio del paese, dopo quello delle Antiche varietà di grano duro di Lansarin e Gaffaya. La Tunisia vanta anche 22 prodotti a bordo dell’Arca del Gusto e 30 orti aderenti al progetto 10.000 Orti in Africa.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No
Torna all'archivio