Yucca sabrosita

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

La yucca sabrosita (“gustosa”) è una pianta perenne il cui tronco può arrivare a due metri di altezza, la sua radice è di colore marrone o caramello e può essere divisa in varie radici minori, le foglie sono verde scuro e nella coltivazione si devono togliere le escrescenze perché il tubero sia più lungo che largo. Dalla semina alla produzione passano da dieci a undici mesi. Secondo gli indigeni della Guajira, la yucca impiega circa cinque anni per iniziare la produzione. Ogni ettaro può dare 200 radici. Il colore è giallo e la buccia si leva facilmente.   Questa varietà viene coltivata da contadini con piccoli appezzamenti di terreno nel Corregimiento de Rio Ancho, anche se in tutta la regione proliferano le grandi piantagioni che sono sempre esistite. Nell’anno 1534 si conosceva la yucca nei villaggi orientali e sud orientali della Sierra Nevada di Santa Marta e grazie al contatto tra i popoli indigeni della sierra e gli Wayuu, questa coltivazione si è propagata nella penisola della Guajira. Venne chiamata sabrosita la yucca coltivata nel Rio Ancho perché il sapore era particolarmente gradevole, quasi dolce e la consistenza farinosa. Inoltre la produttività è superiore a quella delle altre varietà di yucca e la grandezza maggiore.   Una delle ricette più popolari e tradizionali sono i buñuelos navideños, frittelle di Natale che si preparano il 24 dicembre e si mangiano in famiglia. Una volta pronte si cospargono con il miele, sono morbide, spugnose e senza grassi. Altre preparazioni erano la arepa de yucca, caribañuelas, bollo de yuca con cocco. Storicamente questo prodotto si coltivava sulle pendici della Sierra Nevata di Santa Marta. Nel municipio di Dibulla, l’area di maggior produzione era il Corregimiento di Rio Ancho.   Attualmente, esistono 880 ettari di yucca con una produzione di 9.600 tonnellate all’anno, nella regione di La Guajira. E’ impossibile però determinare quanti ettari siano di yucca sabrosita. Si trova sul mercato in quantità sempre minore. La vetustà dei semi mette a rischio di estinzione la yucca sabrosita, visto che ha anche un basso rendimento economico. Un altro fattore che aggrava la situazione sono gli effetti dei pesticidi delle coltivazioni illecite della zona vicina.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneColombia
Regione

La Guajira

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali