Infuso di bulbi di giglio martagone

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Nella regione del Kelmend si trova il villaggio più isolato delle Alpi albanesi data l’elevata altitudine in cui sorge: il villaggio di Lëpushë. Nei dintorni di questa località si trova il Giglio martagone, chiamato dai pastori kelmendi “erba del fegato” poiché ne riconoscono alcuni effetti benefici per la salute.

Si tratta di una pianta erbacea con fusto eretto e foglioso, le foglie sono oblunghe e si addensano nella parte bassa del fusto. I fiori del Giglio martagone sono di diversi colori: rosso intenso, rosa pallido oppure porpora; ogni fiore ha un aspetto particolare perché si incurvano verso il basso.
La pianta cresce spontanea e viene raccolta nelle zone dei pascoli delle Alpi albanesi; sia la pianta che i bulbi vengono raccolti all’inizio dell’estate e poi seccati.
I pastori kelmendi raccolgono i bulbi di questa pianta per poi lasciarli seccare all’aria aperta e preparare un infuso che viene bevuto a fine dei pasti, anche con l’intento di aiutare la digestione.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneAlbaniaMontenegro
Regione

Plav

Shkodër

Altre informazioni

Categorie

Tè e infusi

Comunità indigena:Kelmendi
Segnalato da:Andrea Pieroni