Sarago di Capo Verde

Torna all'archivio >

Il sarago è un pesce conosciuto su scala mondiale e molto consumato, ma tra le numerosissime specie e sottospecie ne esistono tre endemiche dei litorali capoverdiani. Il sargo preto de Cabo Verde (Diplodus fasciatus), il sargo safia o sargo salema (Diplodus prayensis) e il sargo di Cabo Verde (Diplodus sargus lineatus)
Le tre specie sono segnalate nella red list IUCN, non per la reale minaccia di estinzione bensì per le poche informazioni che si hanno su tale popolazione ittica. In totale ci sono 17 specie endemiche di Capoverde, alcune di esse sono solamente studiate e senza commercializzazione, ma il sarago, soprattutto il sargo de Cabo Verde, si trova con facilità nei mercati locali del pesce. Si stima che la pesca del sargo sia del 2-3% della pesca in generale di Capo verde. Viene pescato solo da piccole imbarcazioni tradizionali, semplicemente con la canna, o «à boia», lasciando dei corpi galleggianti legati a uno o a più fili. Questo avviene proprio perché non è un pesce «appetibile» per le grandi industrie: non è certo richiesto come la cavala, soprattutto per le sue piccole dimensioni, circa 30 cm di lunghezza. Per pescare il sarago, che vive tra 40 e i 60 metri di profondità, sarebbe meglio usare delle esche succulente come resti di calamaretti e frutti di mare.

Come detto il sarago di capo verde si trova con relativa semplicità nei mercati locali anche se in piccola quantità. Viene cucinato in vari modi, soprattutto alla brace o al forno, accompagnato da «legumes» e riso bollito.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCapo Verde
Regione

Praia

Altre informazioni

Categorie

Pesce, frutti di mare e derivati

Segnalato da:Emanuele Dughera