Salsiccia Bull Boar

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Salsiccia Bull Boar

Si tratta di una salsiccia di manzo e maiale prodotta già dalla metà del XIX secolo dalla popolazione di origine italo-svizzera nella zona dei Victorian Gold Fields. Non è noto il motivo per cui vi siano così tanti insediamenti di Italo-Svizzeri in quest’area di bacini auriferi. Sicuramente il paesaggio simile alle regioni montuose di confine fra Italia e Svizzera e la lingua hanno favorito un aggregazione degli immigranti. Alcuni immigrati hanno fatto fortuna con l’oro, mentre i meno fortunati si sono dedicati all’agricoltura, alla produzione di vino, di latticini, o anche ad altre attività nelle quali erano esperti, come le costruzioni in pietra. Diverse attività agricole e sociali sono sopravvissute fino ad oggi, così come numerosi nomi di chiara origine italiana o svizzera. La particolarità di queste salsicce è la miscela di spezie, vino e aglio. Questo prodotto rischia l’estinzione all’interno della comunità italo-svizzera a causa dell’enorme investimento di tempo e lavoro necessari alla preparazione dell’impasto. Gli immigrati italiani indicano questi insaccati semplicemente con il nome salsiccia. Il nome Bull Boar venne coniato dai coloni di lingua inglese, poiché questo salume contiene carne di manzo e di maiale all’incirca nelle stesse proporzioni: la carne di manzo è magra, quella di maiale è metà magra e metà grassa. Per la preparazione dell’impasto si utilizza del vino nel quale è stato messo a macerare dell’aglio. Questo processo conferisce alla salsiccia un sapore deciso, pungente. Il contenuto di grasso è inferiore rispetto alla media e al palato può sembrare leggermente asciutta. Le numerose spezie utilizzate, come cannella, chiodi di garofano, noce moscata e pepe della Giamaica, durante la cottura rilasciano aromi che ben si amalgamano con quelli della carne. Ogni famiglia della regione custodisce gelosamente la propria ricetta di preparazione; in molti casi questo è l’unico legame che mantengono ancora, fatta eccezione per il cognome, con i loro antenati di lingua italiana che colonizzarono l’area. Il metodo tradizionale di cottura prevede l’immersione delle salsicce in un pentolino d’acqua: una volta raggiunta la giusta temperatura, vengono fatte bollire lentamente per 10 minuti. Oggi le salsicce Bull Boar sono preparate da numerosi macellai locali, e c’è il pericolo che il nome venga utilizzato anche con prodotti di livello qualitativo inferiore. Durante il festival delle tradizioni culinarie locali, che si celebra ogni anno presso l’area di Hepburn springs, densa di immigrati italo-svizzeri, si possono assaggiare anche le salsicce Bull Boar.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneAustralia
Regione

Victoria

Area di produzione:Victorian Gold Fields

Altre informazioni

Categorie

Salumi e derivati carnei

Segnalato da:Richard Cornish