Ricco d’olio

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il ricco d’olio, ‘u ricchddugghj in dialetto, è una delle poche preparazioni dolci tipiche di Matera. Viene realizzato recuperando gli avanzi dell’impasto del pane e arricchendolo con abbondante olio extravergine di oliva e dello zucchero. È una sorta di focaccia dalla forma circolare, del diametro di circa 50 cm e alta circa 15 cm. Ovviamente il peso e le dimensioni variano data la sua funzione di recupero degli avanzi dell’impasto del pane. Il colore è giallo dorato in superficie e la sua consistenza è molto soffice. Il suo odore è molto simile al pane da cui si discosta invece nel gusto grazie all’abbondante presenza di olio e zucchero. Questa preparazione unisce gli elementi fondamentali del territorio materano: la pasta del pane, elemento onnipresente sulle tavole locali, e l’olio che serviva per cuocere la focaccia senza farla attaccare alla teglia e per sciogliere lo zucchero, che era un dolcificante non molto diffuso al posto del quale veniva sovente utilizzato il miele.
Tradizionalmente il ricco d’olio veniva preparato in occasioni sporadiche: quando appunto rimaneva qualche avanzo di impasto per il pane o per una particolare ricorrenza. È quindi un prodotto molto importante per la cultura materana che testimonia l’importanza del recupero degli avanzi e l’idea che sprecare il cibo, soprattutto il pane, fosse da considerare come un sacrilegio. Gli avanzi venivano perciò sapientemente recuperati e trasformati in un dolce semplice, ma gustoso. L’impasto veniva steso per creare una forma circolare e schiacciata, arricchito con molto olio. A questo punto, insieme alle varie forme di pane impastate per la famiglia, veniva portato al forno comune dove veniva cotto insieme alle forme di pane. Mentre la preparazione era affidata alle donne, la sua cottura era invece affidata al fornaio.
Oggi la sua produzione è molto limitata. Lo si può ancora trovare in qualche panificio della città, eventualmente su richiesta. È però un prodotto che richiede una maggiore attenzione, dato che è profondamente radicato nella tradizione materana ed è una delle poche preparazioni dolci di questo territorio. Soprattutto è un prodotto che ormai è conosciuto raramente e c’è quindi il rischio di perderlo.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Basilicata

Altre informazioni

Categorie

Dolci

Pane e prodotti da forno

Segnalato da:Emanuele Bruno