Razza bovina Shetland

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Razza bovina Shetland

Shetland Kye

La Shetland è una razza di dimensioni ridotte, con mucche alte circa 120 centimetri e tori alti circa 130. Sono animali proporzionati, con una testa piccola e corna corte e ricurve. Il collo è relativamente lungo e sottile, mentre la schiena è corta, con ampi quarti posteriori in linea con la larghezza della schiena. Una mucca adulta pesa circa 430 chili, mentre i tori arrivano in genere a 600. La razza bovina Shetland assomiglia molto alle rare razze Norvegese del Sud e Westland. I musi larghi dei bovini non permettono agli animali di pascolare selettivamente come le pecore, né di brucare l’erba altrettanto vicino al terreno. Per questo motivo è fondamentale la protezione dell’ampia varietà di fiori che si espandono sul suolo, come timo selvatico, viole, orchidee, primule, prunella e ginestrino. I bovini ricoprono un ruolo di primo piano nel rompere lo strato di vegetazione morta sul terreno, permettendo ai fiori selvatici di colonizzarlo. Le vacche Shetland sono inoltre meno portate a danneggiare i terreni soffici, poiché sono leggere ed hanno zoccoli più ampi. Test fatti sulla carne di bovino Shetland hanno dimostrato che essa contiene bassi livelli di grassi saturi, paragonabili al petto di pollo magro. È inoltre ricca di omega-3 e di acido linoleico coniugato (CLA), ritenuto da molti una protezione contro il cancro. I bovini di razza Shetland sono presenti sulle isole da almeno 3000 anni, rivestendo un ruolo importante nell’economia delle comunità locali, fornendo, da animali a doppio uso, sia una buona rendita di latte sia carne di eccezionale qualità. Il tipo particolare di comunità agricola delle isole si basa su piccole fattorie, spesso di affittuari, di dimensioni simili a quelle di una piccola proprietà. Nelle Shetland il terreno è per la maggior parte una brughiera, tra le cui piante spicca l’erica, facile da ruminare per il bestiame. La vacca Shetland era l’animale ideale per questa realtà agricola, in grado di prosperare anche in condizioni avverse e, grazie alla sua struttura ossea leggera, era più adatta di altre razze ai pascoli umidi, dove si sprofonda facilmente. Tradizionalmente chiamata ‘la mucca di casa’, la vacca Shetland era essenziale per la vita dei piccoli contadini, che vivevano di latte, farina e patate. I vitelli erano generalmente allevati per la vendita, provvedendo così ai contadini una fonte di reddito supplementare, ma per la carne si uccidevano anche le vacche vecchie, una volta raggiunti i venti anni. A quei tempi non esisteva la refrigerazione e una sola mucca veniva divisa tra molte famiglie, usando praticamente ogni sua parte; molta della carne veniva poi salata. La tendenza al miglioramento delle rendite ha però portato all’importazione di razze più grandi dal continente, incrociate con il bestiame locale perché fosse più produttivo. Ciò mise la razza Shetland in serio rischio di estinzione, toccando il numero di soli quaranta esemplari. A questo punto molti piccoli contadini decisero di reagire, preoccupati per la dismissione del bestiame locale, rendendosi conto che senza un intervento era alto il rischio di perdere qualcosa di importante. Oggi il numero di esemplari della razza presenti nel Regno Unito è salito a 600, anche se sono solo 164 i capi allevati nelle loro isole d’origine. La carne è ancora disponibile sul mercato e i produttori sono rappresentati dalla Shetland Cattle Herd Book Society.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneRegno Unito
Regione

Scotland - Shetland

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento