Pernice rossa britannica

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Pernice rossa britannica

Ampiamente considerata la migliore selvaggina di penna del mondo sia dal punto di vista organolettico sia da quello di caccia, la pernice bianca scozzese è un uccello da selvaggina di taglia media (una sola porzione). Il suo piumaggio è bruno-rossastro (meno rosso nelle femmine) con una coda nera e zampe bianche.Le caratteristiche più evidenti della specie sono la sua forma paffuta e le sue palpebre bianche con un’appariscente cresta bianco-rosata al di sopra. Si tratta dell’unico uccello da selvaggina che ha penne sulle zampe che lo proteggono dal freddo e dalla neve, ed è ulteriormente unica all’interno della sua sottospecie perché il suo piumaggio non diventa bianco in inverno. La carne è scura ed eccezionalmente saporita; può essere un gusto a cui bisogna abituarsi, ma è stato in ogni caso acclamato in tutto il mondo. La dieta della pernice bianca scozzese è composta per il 95% da erica, che le conferisce il suo sapore unico. Sono presenti anche dei controlli legislativi a seconda di dove è situata la brughiera (ad esempio il Muirburn Code in Scozia). A causa dell’habitat molto raro e speciale che la brughiera di erica assicura a molte specie animali e vegetali, circa la metà di esse sono aree protette dall’Unione Europea (Aree di protezione speciale per gli uccelli selvatici e Aree speciali per la salvaguardia delle piante). Due terzi sono protetti in qualità di Siti di speciale interesse scientifico e circa il 45% delle brughiere delle pernici sono protette per tutti e tre i motivi. Queste classificazioni europee implicano le norme di salvaguardia più restrittive. L’Associazione Britannica per la Caccia e la Salvaguardia (www.basc.org.uk) fornisce il Codice delle buone pratiche di caccia ed esistono regole comunitarie per la gestione della caccia sportiva. La pernice bianca scozzese è una specie originaria della Gran Bretagna, anche se è una sottospecie della pernice bianca nordica che si trova nella maggior parte della tundra artica. È sopravvissuta soltanto nelle brughiere di erica custodite, ma a causa dei loro alti costi di gestione grandi estensioni sono state destinate a usi del terreno più economici, con il risultato che ora la brughiera d’erica è più rara della foresta pluviale. Il 75% della brughiera d’erica rimasta si trova in Gran Bretagna e, sebbene alcune pernici bianche scozzesi si possano trovare anche in Irlanda (anche se alcuni considerano la pernice irlandese una specie separata) e in Galles, la maggior parte degli esemplari si concentra tra il nord dell’Inghilterra e la Scozia. Prima della rivoluzione industriale, attorno agli inizi del diciannovesimo secolo, molti degli altipiani della Scozia e dell’Inghilterra settentrionale erano brughiere desolate ricoperte di biancospini, betulle, conifere, ginestroni, cardi e felci che lasciavano spazio a una fitta erica nei terreni più alti. Relativamente poche pernici sono sopravvissute in questi territori, sia perché non c’era abbastanza erica i cui cibarsi per supportare una grande popolazione, sia perché essendo un uccello che nidifica sul terreno è facilmente soggetto ai predatori, qualora questi non siano controllati. Quando durante le guerre mondiali molti pascoli sono stati sottomessi all’aratro, i pastori si spinsero sempre più a nord reclamando terreni per il pascolo delle pecore trattandoli con uno dei più antichi metodi di agricoltura: l’incendio a rotazione per stimolare nuova crescita. Il fatto che questi metodi abbiano beneficiato anche la pernice bianca scozzese è passato sotto silenzio fino all’apertura di due importanti linee ferroviarie per la Scozia (una ad ovest passando per Carlisle, una attraverso York e Newcastle). Il nord dell’Inghilterra e della Scozia, che precedentemente richiedeva giorni e giorni di viaggio molto poco confortevole per essere raggiunto via strada, era ora accessibile in poche ore. La caccia diventò dunque estremamente popolare nell’età vittoriana e, capitanati dall’acquisto di Balmoral sul Beeside da parte della regina Vittoria, vittoriani benestanti iniziarono ogni anno a riversarsi in Scozia per le loro vacanze sportive. Il 12 di agosto, data ufficiale in cui la regina Vittoria prendeva residenza a Balmoral, segnava l’inizio della stagione della pernice e diventò il più importante giorno del calendario sociale. È ancora conosciuto come ‘il glorioso dodici.’

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneRegno Unito
Regione

Scotland - Hebrides

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento