Peperoncino Chiltepin

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

In quanto unico peperoncino selvatico nativo degli Stati Uniti, il chiltepin viene talvolta definito la “madre di tutti i peperoncini”. Conosciuto con molti altri nomi – come per esempio chiltepin, chile tepin, chile del monte, chillipiquin, a’al kokoli (in O’odham), chiltepictl (in Nahuatl), amash (in Mayan) – il chiltepin è ampiamente usato in tutta la regione sud-occidentale degli Stati Uniti. Questo peperoncino cresce naturalmente nei canyon, dal Texas occidentale a tutta l’Arizona meridionale. Il chiltepin ha una lunga storia nei territori di confine tra il Messico e gli Stati Uniti: oltre ad essere una vera e propria icona mitica, è da sempre utilizzato tradizionalmente come cibo, medicinale e vermifugo. Esiste un folklore ricchissimo associato a queste piante. Storicamente, non poteva esserci un tavolo di cucina nelle case rurali dei Sonorans, Opatas, O’odham o Yaqui senza la presenza di una bottiglia di chiltepines secchi. Ancora ai nostri giorni, in molte comunità rurali la raccolta selvatica costituisce un rituale stagionale nel periodo caldo di settembre e dell’inizio di ottobre, quando le famiglie si accampano in montagna per raccogliere insieme i peperoncini selvatici. Il chiltepin è un peperoncino di dimensioni molto ridotte e con un sapore estremamente pungente. È considerato molto piccante – 8-9 nella scala di misurazione – e ha un sapore distintamente affumicato. Questo peperoncino viene mangiato essiccato dal sole, aggiunto a formaggi e gelati, fermentato nelle salse e conservato in salamoia con origano selvatico, aglio e sale come un condimento da tavola. I frutti secchi verdi o rossi sono spesso utilizzati come conservanti e mischiati alla “carne machaca” allevata ai pascoli o alla carne di cervo, oppure vengono uniti alle verdure selvatiche e alle cipolle nella preparazione di un piatto tipico di Sonora. Il peperoncino chiltepin non è diventato completamente obsoleto grazie ai raccolti sostenibili e al valore culturale che incarna: questi peperoncini crescono selvatici, sono biologici e vengono raccolti a mano. Eppure, nonostante le molte attenzioni riservate al chiltepin, negli Stati Uniti rimangono meno di 15 località conosciute che servono come habitat naturale per questi peperoncini selvatici e che sono protette nella Coronado National Forest, nel Big Bend National Park e nell’Organpipe Cactus National Monument.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneStati Uniti
Regione

Arizona

Texas

Altre informazioni

Categorie

Spezie, erbe selvatiche e condimenti