Pecora Ripollesa

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

È la più importante fra le razze ovine autoctone catalane (rispetto alla Aranesa, e la Pallaresa o Txisqueta) perché ne esiste un numero di esemplari superiore – la Aranesa è a rischio di estinzione –  e per la sua genetica differente. La sua origine storica è una combinazione della razza pirenaica e della razza merina che si distribuiva su tutti i Pirenei, anche se l’origine geografica principale è nella comarca di Ripollés. Successivamente si è estesa verso le altre comarche pre-pirenaiche di Berguedà, Solsonès, Osona e anche nelle pianure dell’Empordà, di Gironès e la Selva. È una pecora di costituzione fisica medio-grande, adattata all’ambiente (geograficamente scosceso).   Tradizionalmente è stata destinata alla produzione di latte, formaggi e carne. Produce un latte di eccellente qualità, in quantità limitata. La caratteristica morfologica che la distingue è la testa convessa. Ha muso e zampe ricoperte di lentiggini, orecchie di colore scuro e coda lunga.   Il periodo più florido della pecora ripollesa corrisponde all’introduzione dell’industria della lana, visto che come la merino, produce una lana di buona qualità. Successivamente, a causa dell’importazione della lana e delle specie estere questo settore è regredito molto. Attualmente esiste un controllo delle nascite, così come un controllo del fatto che entrambi i genitori siano di razza rimpollesa, dato che negli ultimi decenni sono stati realizzati incroci con altre razze per aumentare la produzione di carne. Questi controlli sono realizzati dalla ANCRI (Associazione Nazionale di Allevatori di Ripollesa). 

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneSpagna
Regione

Cataluna

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento