Patata nera delle Shetland

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Shetland Black Potatoes

La patata nera delle Shetland è a forma di rene, con una caratteristica buccia viola. Una volta tagliato, il tubero mostra una polpa giallo crema, con un anello viola più o meno marcato. Da cruda è di bell’aspetto, ma purtroppo il colore viola sia della buccia che della polpa non sopravvive alla cottura, tramutandosi in uno scuro marrone grigiastro. I tuberi sono anche più piccoli delle varietà comunemente coltivate oggi, e di forma irregolare, generalmente ovale ma con un’estremità leggermente più corpulenta. La patata nera delle Shetland ha un sapore dolce e burroso, con una consistenza leggera e farinosa che le fa dare il meglio di sè bollita con ancora la buccia. Si racconta che le patate furono introdotte sulle isole Shetland nel 1588, quando alcune di esse furono salvare dal naufragio di una nave dell’Armada spagnola. Quando I piccoli agricoltori furono relegati sui terreni marginali, le patate si rivelarono un cibo nutriente adatto alla coltivazione dei terreni periferici che erano stati a loro affidati. Ma la varietà è oggi scomparsa dalle isole, nonostante alcune patate da piantare siano ancora reperibili presso alcuni commercianti della terraferma. La patata nera delle Shetland, così come molte vecchie varietà, non ha un rendimento alto quanto le patate coltivate commercialmente. Questo insieme al fatto che i consumatori oggi preferiscano patate a polpa bianca e con pochi difetti ha causato l’abbandono della coltivazione di questa varietà da parte di molti piccoli contadini. Essa è ancora presente sul mercato, ma solo in quantità esigue, riflettendo la sua situazione di varietà a rischio. I pochi produttori rimasti sono oggi rappresentati dalla Scottish Crofting Federation (Federazione dei Piccoli Agricoltori Scozzesi).

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneRegno Unito
Regione

Scotland - Shetland

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali