Patata Bufé o Bufet

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Esistono due varietà: Bufet bianca e Bufet violetta. È una patata di montagna, a ciclo lungo e raccolta tardiva. È un ortaggio con una bassa produttività, il che rende il prodotto più caro. Il suo aspetto esterno è irregolare, caratterizzato dalla presenza di germogli o occhi di  media dimensione. Il suo ciclo geografico di coltivazione comincia nei Pirenei (in altitudine Alinyà, Cabrils, ecc.) per poi scendere ai Pre-pirenei. Oggi è ancora prodotta nella comarca di: Osona, Garrotxa, Ripollès, Cerdanya, Urgell, Solsonès. Patata di grande prestigio popolare, ha consistenza cremosa e molto aromatica con una tendenza al dolce che ricorda le castagne.    La coltivazione risale alla fine del XIX secolo. Precedentemente si coltivava in zone più elevate soprattutto come semente, visto che risultava più sana senza degenerazioni e su superfici piccole. Era praticamente l’unica varietà di patata che si coltivava nel paese e senza dubbio è stata quella che si è adattata meglio alle terre ricche delle comarche centrali del paese.  La varietà bianca è imparentata direttamente con una varietà della Bretagna chiamata Institut Boveur (la fonetica del nome divenne bufé o bufet in Catalogna); tradizionalmente (da più di 100 anni) si è chiuso il cerchio acquistando i semi in Bretagna e piantando la varietà nei Pirenei per favorirne la  conservazione genetica; la stessa si è adattata per poi essere piantata successivamente con finalità produttive in terre più basse. La varietà violetta sembra risultare da una mutazione spontanea della pianta che è stata conservata grazie alla coscienza degli agricoltori che la coltivavano. Attualmente esiste un’Associazione di Produttori di Patate del Bufet de Orís (località in cui si tiene tutti gli anni un mercato per la vendita di questa patata. Questo mercato dura da tre a quattro fine settimana, fino all’esaurimento delle scorte). La maggior parte di questi agricoltori coltiva la varietà bianca perché è più conosciuta tra i consumatori, e solo due (che praticano agricoltura ecologica) coltivano anche la varietà violetta (di maggiore qualità organolettica ma a reale rischio di estinzione).  

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneSpagna
Regione

Cataluna

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali