Pane di Almoharín

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Pan de Almoharín, Pan de la Maza

Conosciuto anche come pan de la maza, si tratta di un pane tondo con un buco centrale realizzato con farina, fichi ed anice. La realizzazione di questo pane segue diverse fasi: innanzitutto si comincia con la preparazione dell’impasto, dunque la farina, l’acqua, il sale ed il lievito vengono lavorati fino a ottenere una massa flessibile ed elastica. All’impasto poi si aggiungono i fichi sminuzzati e l’anice. Segue un primo momento di riposo della massa, periodo in cui il volume deve raddoppiare. Dopodiché si procedere con la divisione dell’impasto lievitato in tante piccole pagnottelle omogenee e dello stesso peso che devono riposare nuovamente. Infine, segue la cottura all’interno del forno, dove il pane comincia a gonfiarsi fino a raggiungere i 55°. Durante la cottura si forma la mollica e la crosta si indurisce e acquista una tonalità dorata.

Il pane di Almoharín si produce e consuma il 13 giugno, giorno in cui si tiene la festa tradizionale de la maza e si celebra Sant’Antonio. Dalla mattina tutti gli abitanti si riuniscono nella piazza centrale della città ed indossano gli abiti tradizionali della festa; questa comincia con un falò in cui una ruota di un carro (la maza) viene bruciata. Dopodiché i festeggiamenti continuano con la messa e la processione in onore di Sant’Antonio. Secondo la tradizione i pani devono essere distribuiti in chiesa dopo essere stati benedetti; alcune persone li indossano durante la processione infilati in una specie di collana da mettere al collo. Il pane del Sacerdote e quello da dedicare al Santo sono leggermente più grandi rispetto agli altri.

Questo pane si produce e consuma solo ed esclusivamente ad Almoharín e durante la festa tradizionale. Ad oggi è rimasto un solo produttore che conserva la ricetta e che ogni produce circa 600 pani.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneSpagna
Regione

Extremadura

Area di produzione:Almoharín

Altre informazioni

Categorie

Pane e prodotti da forno

Segnalato da:Slow Food Extremadura