Odika

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

L’odika è un tipo di lavorazione che viene talvolta soprannominato “cioccolato indigeno”. Si ricava dai noccioli del mango selvatico (Irvingia gabonesis), un albero da frutto molto comune in Africa occidentale e centrale. Noto anche come mango di boscaglia, mango africano e dikanut, trova larghissimo impiego nella dieta delle popolazioni locali. La pianta può raggiungere i 37 metri di altezza. Il frutto, la cui buccia passa dal verde al giallo con la maturazione, assomiglia al mango. La polpa, molto succosa, ha un gusto dolceamaro e spesso viene usata per preparare succhi o marmellate.  Il nocciolo trova impieghi diversi a seconda delle tradizioni locali.   In Gabon il frutto viene raccolto e tagliato in due per estrarne il nocciolo, che viene lasciato essiccare al sole per alcuni giorni. A quel punto i noccioli vengono tostati e poi pestati in un mortaio fino a ottenere una pasta omogenea, che viene versata in un recipiente. Una volta solidificata, viene estratta dal contenitore e conservata per comodità sotto forma di panetti secchi. Per ottenere la rinomata salsa odika si grattugia il panetto fino a ottenere la quantità desiderata di polvere di nocciolo, che viene poi riscaldata fino alla fusione. Se ne ottiene una salsa di consistenza oleosa e dal gusto simile a quello del cioccolato che può servire a condire vari piatti. Accompagnata a certi ingredienti come il pesce affumicato, i pomodori, la manioca, la patata dolce o il riso può dare luogo a un piatto unico. La salsa odika si conserva per 3-4 giorni, mentre il panetto in forma solida può venire tenuto da parte per circa un anno (oppure venduto sui mercati locali).   L’odika è una componente importante della cultura alimentare del Gabon, nei cui territori si produce da generazioni. La ricetta è originaria del Sud del paese, ma oggi è diffusa in tutto il Gabon. Molto spesso la preparazione dell’odika accompagna cerimonie tradizionali o ricorrenze speciali come nozze e compleanni, ma ricorre anche nella dieta di tutti i giorni. Eppure, nonostante la sua popolarità, l’odika rischia oggi l’estinzione, perché le generazioni più giovani non sono interessate ad apprendere e tramandare il procedimento di produzione, dando luogo a una perdita di conoscenze tradizionali. Se lo specifico procedimento che serve a prepararla andrà perduto, l’odika scomparirà dalle tradizioni culinarie del Gabon.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneGabon

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali

Comunità indigena:Bapunu, Mitsogo, Vili e Téké