Mora selvatica

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Mora del monte, morilla, mora silvestre

La mora del monte è un frutto tipico delle regioni desertiche di Boyaca e Cundinamarca. Una mora piccola, di colore rosso scuro, più acida rispetto alle altre more e quindi utilizzata soprattutto per fare succhi, marmellate e dolci. La pianta, di colore verde scuro, ha molte spine, cresce in modo selvatico, estendendosi velocemente e arrampicandosi sulle recinzioni. Da agosto a novembre si ricopre di fiori bianchi simili a dei fiocchi di neve. È una pianta adatta a climi freddi e sopporta dai 3 ai 10 gradi nel deserto.

L’uso di questo frutto si sta perdendo per via del cambiamento nelle abitudini alimentari. Le signore più anziane riconoscono la mora del monte quando la vedono perché hanno l’abitudine di cucinarla, ma i giovani non sono solitamente in grado di distinguerla. Con queste more si può fare una marmellata utilizzata per decorare dolci o per ricoprire la “cuajada”, un formaggio fresco tipicamente servito come cibo per i viaggiatori.

In passato le persone erano solite raccogliere le more con dei cestini e poi portarle a casa: le schiacciavano, le facevano macerare e poi aggiungevano panela grattugiata (una sorta di melassa ottenuta dopo l’ebollizione e evaporazione dello zucchero di canna). La marmellata così ottenuta si mangiava poi con un cucchiaio. Durante la stagione giusta, le nonne setacciavano questo preparato per separare i semi dalla polpa, e poi aggiungevano latte o acqua per farne una bevanda.

Oggi alcune famiglie le utilizzano per farne un vino, servito soprattutto per accogliere ospiti. Per ottenere 3 litri di questo vino occorrono tra i 3 e i 4 anni. Le more vengono sistemate in un contenitore all’interno della casa e dopo il terzo giorno cominciano a fermentare. Successivamente si aggiunge la stessa quantità di panela grattugiata e si trasferisce il liquido in un luogo scuro dentro un contenitore chiuso ermeticamente, collocato con un tubo in un altro contenitore, e gradualmente l’alcol distillato esce dall’altra parte. Questo processo dura due anni e alla fine del processo si raccoglie il liquido della frutta macerata e filtrata e ci si aggiunge l’alcol distillato.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneColombia
Regione

Boyacá

Cundinamarca

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Segnalato da:Isabel Acero