Miglio giunco

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Uwele, Mawele, Mwele, Miwele

Il miglio giunco (Pennisetum glaucum) è particolarmente conosciuto in Kenya per il suo utilizzo nella preparazione del kinaa, un impasto ottenuto con il latte, molto gradito dalle popolazioni nomadi, dai pastori e dai viaggiatori perché facile da portare con sé. Per cucinarlo, il miglio giunco secco è arrostito e macinato in una farina, poi miscelato con il latte. È un cibo ricco e nutriente, facile anche da preparare per strada, confezionando separatamente latte e farina. È ricco di fibre e vitamina B1. L’impasto è spesso usato nello svezzamento dei bambini. Oggi, la popolazione prepara un impasto usando mais arrostito, che non ha però le qualità nutrizionali del miglio giunco.   Il miglio giunco utilizzato per fare il kinaa si adatta bene alle aree aride e semiaride ed è usato soprattutto nell’area di Ukambani, dove in passato i bambini allontanavano gli uccelli che se ne nutrivano. Oggi, dal momento che i bambini sono a scuola durante il giorno, vengono piantate piccole quantità di questa varietà, una delle preferite dagli uccelli: una larga parte delle piantagioni si perdono proprio a causa loro. Un gruppo di donne che si prende cura di bambini orfani o più fragili gestisce un piccolo appezzamento in cui è piantato il miglio giunco, nell’area di Syiembeni. Alcuni agricoltori hanno provato a piantare la varietà nei campi vicini alle strade, nella speranza che il rumore del traffico allontani gli animali. Tra coloro che ancora coltivano questo miglio, il raccolto annuale è di circa 10kg. L’intenso lavoro che richiede la produzione per proteggerla dai predatori ha fatto sì che oggi la varietà sia in via di estinzione nell’area e coloro che desiderano continuare la produzione tradizionale di kinaa devono farlo con miglio giunco importato e molto costoso.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneKenya
Regione

Eastern

Altre informazioni

Categorie

Cereali e farine

Comunità indigena:Akamba