Mela di Tapay

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

La mela di Tapay è conosciuta localmente come “nativa” poiché non è noto il nome della varietà. La zona di produzione è la Valle della Colca che gode di un clima particolarmente temperato, perfetto per la coltivazione di frutta. Le dimensioni di questa mela sono medie, circa quattro dita di altezza, la forma è leggermente ovale, le buccia è giallognola con striature rosse, il sapore è acidulo. Queste mele si raccolgono con l’utilizzo di un attrezzo chiamata pallana (“raccoglitore” in lingua quechua), uno strumento che consiste in un lungo bastone di legno di chuchao o in una canna grossa, con un cestino all’estremità in cui si lasciano cadere le mele staccate dall’albero.

In genere questa mela si consuma fresca, oppure bollita per ottenere un’acqua alla mela che si consuma come bibita oppure si cuoce sopra le braci per preparare le “manzanitas asadas”. Gli abitanti conoscono da sempre un metodo particolare per conservarla. Si sistemano file di mele sopra il fieno, in un sottotetto, facendo attenzione a scegliere quelle più sane e non intaccate, poi si coprono completamente con i fieno che crea così un effetto protettivo che impedisce l’ingresso dell’aria e quindi il deterioramento della frutta. In questo modo le mele, raccolte a marzo e ad aprile, rimanevano buone fino a fine anno.

Gli abitanti della zona sono conosciuti come “choqro manzana” cioè mela verde, questo soprannome indica il profondo nesso tra i frutti e la comunità che da sempre lo coltiva. Anticamente si viaggiava con gli animali per arrivare nella zona di Cusco e scambiare le mele con chuño (conserva di patate disidratate). Gli scambi avvenivano anche lungo il cammino. In questo modo le mele di Tapay arrivano fino a 70 chilometri di distanza. I contadini di Lluta, ad esempio, ricordano l’arrivo dei muli carichi di questa pregiata frutta dal profumo inconfondibile.

Questa mela si coltiva nelle zone medie e basse della regione di Tapay e il suo sapore diventa più acido con l’aumento dell’altitudine. Non si conosce la quantità prodotta esattamente. Da oltre una decina di anni la mela di Tapay è minacciata dalla concorrenza di altre varietà più comuni e meno costose, oggi è difficile per il consumatore capire se si sta acquistando la mela originale.

Torna all'archivio >

Territorio

NazionePerù
Regione

Arequipa

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati