Vitigno Mavrotragano

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Vitigno Mavrotragano

L’area vitivinicola di Santorini è una delle poche al mondo in cui le viti vegetano sulle loro radici naturali e non su soggetti importati. Il suolo sabbioso e vulcanico dell’sola, infatti, costituisce una difesa naturale contro la filossera. Tuttavia la coltivazione della vite si è estremamente ridotta: dai 350 ettari degli anni ’50 si è passati agli attuali 140. Fino a sette, otto anni fa poche piante di Mavrotragano, varietà rara a bacca rossa, si trovavano sparse in piccoli appezzamenti (non più di un ettaro ciascuno, circa l’1% dei vitigni presenti sull’isola) e la produzione non superava i 1500 chilogrammi. Il destino di questo vitigno pareva segnato e invece oggi il Mavrotragano, grazie al lavoro di due produttori, sta riprendendo quota. La sua diffusione limitata è legata ad alcuni fattori economici. Innanzitutto i chicchi sono molto piccoli e i grappoli di media grandezza e la resa è minore del 40% rispetto al mandilarià (l’altra varietà a bacca rossa coltivata nelle Cicladi). La raccolta è manuale, il vino fermenta per nove giorni e successivamente va in botti di quercia per almeno un anno. Il Mavrotragano, inoltre, matura in tempi diversi: occorre vendemmiare spesso e procedere a molte microvinificazioni. La prima testimonianza scritta dell’esistenza di questo vitigno si trova sul testo dell’abate Pegues, Histoire et phénomènes du volcan et des îles volcaniques de Santorini, pubblicato a Parigi nel 1842. Sebbene il Mavrotragano fosse già raro allora, i contadini di Santorini ne hanno riconosciuto il pregio e hanno continuato a coltivarlo in piccole quantità, raramente utilizzate per produrre vino secco, ma quasi esclusivamente destinate a un passito da consumare in occasioni speciali. Anche se pare curioso parlare di vino rosso a Santorini – terra degli omonimi ottimi bianchi Doc e di passiti ricavati dalla varietà autoctona assyrtiko – il rosso Mavrotragano ha subito attirato l’attenzione di giornalisti ed enogastronomi. È un tipico vino del sud, dal netto colore violaceo, opulento, fruttato, aromatico. La spiccata tannicità lo rende ideale per un lungo invecchiamento.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneGrecia
Regione

Egeo Meridionale

Altre informazioni

Categorie

Vino e vitigni