Gelatina di castagna d’acqua

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Mareummuk

La castagna d’acqua (Trapa japonica) era un tempo comunemente coltivata nelle risaie, nelle paludi e negli stagni delle pianure di Sintaein-eup. Il frutto era raccolto a ottobre, quando rappresentava anche una fonte di cibo per i cigni e altri uccelli acquatici che tornavano dalle migrazioni, e usato per la preparazione del mareummuk. Il mareummuk si prepara mettendo in acqua la farina di castagna d’acqua e raccogliendo il sedimento, che viene quindi fatto bollire e poi raffreddato finché non si solidifica assumendo la consistenza di una gelatina. Oggi molte risaie di Sintaein-eup sono in fase di trasformazione in stagni per la coltivazione di castagne d’acqua.

In coreano “mareum” significa “pianta acquatica che genera grossi frutti appetitosi”: questa pianta nutriente è usata come fonte di cibo da oltre 500 anni. Esistono testimonianze della presenza della castagna d’acqua in Corea già nel XVI secolo. La gelatina di castagne d’acqua non è venduta commercialmente, ma preparata per il consumo personale o della famiglia nella Corea sud-occidentale. Tuttavia, dopo la ricomposizione fondiaria degli anni ’70, l’habitat naturale della pianta è scomparso, così come i ricordi del mareummuk dalla memoria delle persone.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCorea del Sud
Regione

Jeollabuk-do

Area di produzione:Jeongeup-si

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Segnalato da:Jo Nam Sun