Mangelwurzel

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il mangelwurzel è una varietà di barbabietola (Beta vulgaris) messa a punto nel Diciottesimo secolo per servire da foraggio per il bestiame. La radice novella, però, si rivela un alimento eccellente anche per il coltivatore. Il mangelwurzel è strettamente imparentato con la bietola svizzera e con la barbabietola da zucchero. Quando cresce allo stato brado, la barbabietola produce foglie commestibili come quelle della bietola. La radice può presentare colorazioni di vario genere, tra cui bianco, rosa, rosso, arancione, oro, viola nero. La superficie è solcata da piccoli avvallamenti e la forma può variare: allungata, ovoidale, sferica ecc. Sia la radice che la foglia del mangelwurzel sono commestibili. Questa varietà di barbabietola sopporta bene i climi freddi, ma esige suoli bene arricchiti con terricciato e un’irrigazione regolare. Storicamente, grazie alla sua eccezionale rusticità, è stata apprezzata per la sua attitudine a crescere in climi e terreni anche molto diversi tra loro. Quando il terreno è duro, per esempio, la radice tende a svilupparsi per compensazione in senso orizzontale, piuttosto che in verticale. Senza contare che le radici, succose e ricche d’acqua, costituiscono un eccellente cibo per il bestiame. Alcune varietà di mangelwurzel, estremamente produttive, possono raggiungere anche i 9 chilogrammi di peso, per quasi un metro di lunghezza.

Il mangelwurzel è stato coltivato in Inghilterra, dove le sue grandi radici sono entrate a far parte del paesaggio agricolo locale, dove è difficile coltivare mais da destinare al foraggio. Nel Sud del Somerset, nella contea di Norfolk e nel Galles, nel corso della Punkie Night che si celebra l’ultimo giovedì di ottobre, i bambini portano in processione delle lanterne dette punkies: altro non sono che non mangelwurzel private della polpa interna. Tra le altre cose la radice del mangelwurzel trova impiego nel “mangold hurling” (lancio della bietola), una competizione tradizionale la cui storia risale all’Undicesimo secolo. I partecipanti, in piedi in un cesto di vimini, devono scagliare la radice il più lontano possibile. Facendo fermentare la radice, inoltre, si può ricavare una bevanda alcolica piuttosto forte. Sul finire del Diciannovesimo secolo il mangelwurzel è stato introdotto sulla costa atlantica statunitense. In confronto ad altre varietà risultava meno sensibile alle oscillazioni climatiche, tollerava bene la siccità, presentava un’eccezionale longevità in magazzino e garantiva un tasso di zuccheri elevato, oltre a risultare più produttivo a parità di superficie. Nel clima fresco del New England era considerato una valida alternativa ai cereali.

Per molto tempo il mangelwurzel è stato impiegato innanzitutto come fonte di cibo per il bestiame, specialmente per i bovini, i suini e il pollame. Quella vocazione, purtroppo, ha reso sempre più sporadica la sua presenza sulle tavole. A mano a mano che la cerealicoltura statunitense ha potuto beneficiare di sussidi statali l’interesse economico della coltivazione di mangelwurzel come fonte di cibo è andato declinando. Tanto che oggi la barbabietola è scarsamente apprezzata sia come alimento che come foraggio. Eppure la radice novella è tenera e succosa: raccolta giovane costituisce un alimento ideale per il consumo umano. Quando invece si prevede di destinarla al foraggio è meglio lasciarla crescere un po’ per favorire la produttività complessiva e ottenere un raccolto più succoso.

Torna all'archivio >

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali