Lwarguiya

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Lwarguiya

Il lwarguiya è una pianta simile al cavolo di cui si consumano solo le foglie che fa parte della dieta abituale nelle oasi del Sud-Est del Marocco. Si mangia preferibilmente la mattina e la sera. Si tratta di un alimento che ogni contadino coltiva nel suo terreno e che ha sempre accompagnato le tribù nomadi nei loro spostamenti ed esodi verso la città. Il lwarguiya è un ingrediente fondamentale per preparare numerose ricette tradizionali come la zuppa di lwarguiya, il bnekoula a base de lwarguiya, il couscous di mais con lwarguiya e le fave secche, l’insalata di lwarguiya e la bevanda calda al latte e foglie di lwarguiya.

Le foglie di lwarguiya sono apprezzate anche per le loro proprietà antipiretiche, se le si appoggia sul corpo abbassano infatti la temperatura corporea, e come rimedio naturale contro il mal di testa, se le si accosta alla parte dolente. Il lwarguiya, naturalmente ricco di fibre, ha anche leggere proprietà lassative. Infine, il fatto che possieda abbondanti minerali, sostanze bioattive e antiossidanti, rende questo prodotto la perfetta panacea all’interno delle oasi.

L’area storica in cui viene da sempre coltivato sono le oasi nel Sud-Est del Marocco, come l’oasi di Tafilalet. In ogni orto è facile trovare una piccola parte dedicata alla coltivazione del lwarguiya. La produzione attuale può essere stimata all’incirca in alcune decine di chili per ogni ettaro coltivato. Viene spesso venduto nei mercati locali anche se viene prodotta in scala tanto ridotta da essere utilizzata soprattutto per il consumo familiare.

Attualmente questo prodotto tradizionale rischia di essere sostituito da altri prodotti poiché le nuove generazioni sono meno attente alle abitudini alimentari legate alla tradizione e si orientano verso tutto ciò che si prepara velocemente, ignorando i cibi antichi, le loro utili proprietà nutrizionali e, in questo caso, anche curative, legate alla fitoterapia.

La perdita di questo prodotto, a causa dei cambiamenti delle abitudini alimentari, rappresenterebbe un grande impoverimento per le popolazioni delle oasi considerando la sua importanza non soltanto per l’alimentazione della popolazione locale ma anche per la sua cultura e identità. Sono fortunatamente in corso degli studi per la valorizzare lo sviluppo e il ritorno al consumo di questo ortaggio.

Foto: @ Giovanni Marabese

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneMarocco
Regione

Draâ-Tafilalet

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali