Lenticchia di Ventotene

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Lenticchia di Ventotene

La lenticchia è un seme di una pianta erbacea, la Lens esculenta. La semina avviene nei mesi invernali, da dicembre a febbraio mentre la raccolta viene fatta in giugno. La pianta delle lenticchie viene fatta essiccare al sole, quindi viene percossa per raccogliere i semi. Sull’Isola di Ventotene, in provincia di Latina, le prime coltivazioni di lenticchie risalgono, secondo i documenti storici, all’inizio del 1800, ma c’è chi sostiene che tale coltivazione fosse già praticata ai tempi della colonizzazione dell’isola da parte dei Romani. Secondo questa versione, sembra che le lenticchie abbiano dato il nome ad una delle più importanti famiglie romane, quella dei Lentuli, dal nome latino della lenticchia, ‘lens’. Sempre in epoca romana Catone dettò alcune norme per cucinarle nel modo migliore e Galeno, celebre medico di allora, ne sottolineò le virtù terapeutiche. Dopo aver raggiunto quote di produzione ragguardevoli (si parla infatti di circa 1500 quintali annui) tali da stimolare l’esportazione del prodotto in terraferma, nell’immediato dopoguerra si è avuto, in seguito allo spopolamento dell’isola, un forte calo della produzione fino ad arrivare a una coltivazione a carattere prettamente familiare. Di contro si nota oggi una leggera inversione di tendenza anche in considerazione del grande successo che la lenticchia di Ventotene riscuote dai suoi estimatori.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Lazio

Area di produzione:Isola di Ventotene

Altre informazioni

Categorie

Legumi

Segnalato da:Paola Strumia