Kurt

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Курт

A cavallo tra Europa ed Asia, il Kazakistan presenta una cultura gastronomica assai ricca di influenze. Una delle influenze che ancora oggi è riscontrabile nella gastronomia kazaka è quella legata ai gruppi di pastori nomadi; essi migrano e si spostano tra le diverse regioni del Paese, ricercando acqua e zone in cui far pascolare i propri animali. Da questi si ricavano scorte di cibo che oltre a durare nel corso delle stagioni devono sopportare i lunghi viaggi.

Il kurt è un prodotto tradizionale appartenente alla cultura nomade kazaka che si ricava dall’essiccatura del latte fermentato, da cui si ottiene anche lo yogurt.
Il latte che si utilizza è di pecora oppure giumenta e l’intero processo di lavorazione del kurt impegna l’intero gruppo famigliare, dove ciascun componente ricopre un ruolo specifico. Il latte appena munto viene posto all’interno di un contenitore all’interno del quale viene fatto fermentare. Nel momento in cui assume una consistenza densa, la donna più anziana, spesso aiutata dai bambini, lavora il latte fermentato dando la forma caratteristica tondeggiante, della grandezza di un’albicocca.
Tutte le forme ottenute sono poi fatte essiccare all’aria aperta, poste sopra a un telo oppure sui tetti delle tende in cui i nomadi dormono. Una volta essiccato il kurt viene conservato all’interno di teli, più facili da trasportare.

E’ molto salato e spesso prima di essere consumato, viene fatto sciogliere all’interno del kumis (una bevanda fatto con il latte fermentato di giumenta) o in acqua. Viene considerato anche una fonte molto ricca di calcio, per cui spesso le madri ne danno dei piccoli pezzi ai figli durante l’infanzia.
Il kurt può essere mangiato in modi molto diversi: data la scarsità di latte durante la stagione invernale, viene consumato come fosse uno snack oppure viene aggiunto alle minestre o agli stufati di carne.

Sin dall’Ottocento lo stile di vita nomade è stato soggetto a restrizioni, che si sono via via accentuate fino alla sedentarizzazione forzata avvenuta nel periodo sovietico. Ad oggi le comunità nomadi sono poche e per lo più costituite da persone anziane; per questi motivi il kurt rischia di scomparire.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneKazakistan
Regione

Almaty region

Area di produzione:Altopiano di Assy

Altre informazioni

Categorie

Latticini e formaggi

Segnalato da:Olga Oparina