Igname kobe

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Kobe è il nome locale per Dioscorea bulbifera. Questa pianta è uno dei tanti tipi esistenti di igname rampicante. I bulbi marrone scuro che crescono nella parte ascellare della pianta rappresentano la parte edibile comunemente consumata. Questi bulbi assomigliano a delle piccole patate e quando raggiungono la maturazione pesano circa 500 grammi. Anche le foglie verdi sono edibili. Se mangiati crudi i bulbi sono tossici, per cui vengono messi in ammollo, bolliti e cotti al vapore prima di essere mangiati. Hanno un elevato valore nutrizionale ma un sapore relativamente delicato e neutro. Le piante sono coltivate prevalentemente nelle zone coperte da foreste, vista la tendenza a diventare rampicanti. Una volta piantate, i tuberi sono pronti per il raccolto dopo sei-nove mesi circa.

L’igname kobe è una pianta autoctona ed è anche un totem di un clan appartenente alla comunità Baganda dell’Uganda centrale. È molto apprezzato dato che assicura la sicurezza alimentare, essendo un alimento molto nutriente e usato come ingrediente di base nella dieta di tante comunità Baganda e Basoga. Si crede che abbia origine nelle foreste dell’Uganda centrale, in particolare nelle foreste di Mabira nei distretti di Mukono e Jinja. Gli igname kobe non sono coltivati per la vendita commerciale, ma per uso personale o della famiglia. Poiché la loro coltivazione è collegata alla silvicoltura, con l’abbattimento degli habitat delle foreste anche questa pianta rischia di scomparire. Poiché questo alimento è anche il totem di un clan, per quella particolare popolazione consumarlo è un tabù, nonostante le importanti proprietà nutrizionali.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneUganda
Regione

Jinja

Mukono

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali

Comunità indigena:Baganda, Basoga