Izaquente

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Izaquente

Zequencthe

L’izaquenteiro (Treculia africana) è un albero robusto di una decina di metri che cresce in modo spontaneo in varie parti dell’isola di Sao Tomé e Principe. Ha foglie forti, spesse e luminose. Il suo frutto, l’izaquente, nella lingua locale zequencthe o, sull’isola di Principe, opakala, è tondo, verde e molto grande, pesa tra i 10 e i 15 kg. Assomiglia al frutto dell’albero del pane ma ha una superficie più liscia e, a differenza del fruta pao che si sbuccia e si cuoce per mangiare la polpa, l’izaquante si lascia maturare per facilitare l’estrazione dei molti semi. Una volta estratti i semi con delicatezza, si lavano alla fonte d’acqua più vicina e possono poi essere usati subito o lasciati essiccare, nel secondo caso è necessaria però una lunga cottura prima di potersene cibare. I semi dell’izaquente sono famosi per le loro proprietà nutritive quali vitamine A, B e C, sali minerali e oligominerali.

Una ricetta tradizionale è l’izaquente de açúcar. Si cuoce l’izaquente dentro ad una pentola con acqua per circa un’ora. Si aggiunge il sale, il latte di cocco, un bastoncino di cannella, un bastoncino di pepe, si mescola il tutto con un cucchiaio e si lascia bollire per 5 minuti. In seguito si aggiunge lo zucchero mentre si continua a mescolare. Si lascia bollire alcuni minuti. Perché assuma un aspetto più cremoso si può frullare il preparato dentro a una pentola con un frullatore (o la cata tradizionale di São Tomé e Príncipe). Per finire si può aggiungere una buccia di limone.

In passato i semi di izaquente erano un alimento fondamentale per le famiglie con scarsi mezzi economici perché molto nutritivi. Si cucinavano solo con un po’ di olio oppure nel funge, piatto unico a base di semi di izaquente, sale, ossame e pepe. Il funge era l’alimento tipico delle donne incinte per stimolare la produzione dei latte. I semi di izaquente servono anche come antinfiammatorio. L’izaquente si trova in piccole quantità in tutte le zone delle isole di Sao Tomé e Principe. Si trova sul mercato locale, essicato da pochi di trasformatori isolani. L’izaquente rischia di scomparire perché il legno dell’izaquenteiro è molto ricercato per le costruzioni delle case in legno e perché estrarne i semi è un processo laborioso che le famiglie non hanno più tempo di fare, preferendo cibi più veloci da preparare.

Foto: © Marco Del Comune & Oliver Migliore

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneSão Tomé e Príncipe
Regione

São Tomé

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati