Guaimaro

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

É un albero che può raggiungere i 40 metri di altezza e un diametro di 1,50 metri, tronco dritto, cilindrico, con nodi ben sviluppati e la corteccia esterna di colore grigio scuro, a scaglie. La corteccia interna è di colore rossiccio e giallognolo ed è umida. Le foglie sono semplici, alternate, con picciolo. La lamina della foglia generalmente presenta una serie di curve simili a dita di guanti, di colore giallo, i suoi fiori sono di colore verdognolo. Il frutto quando matura prende un colore giallo o arancio e ha semi di 1 o 2 centimetri di diametro.   Quest’albero può produrre fino a 300 frutti l’anno e si possono produrre 300 chili di frutta in ogni raccolta. Le caratteristiche dell’albero permettono lo sviluppo di altre coltivazioni nelle vicinanze e la pastorizia. Normalmente quest’albero viene utilizzato per ottenere legna tuttavia anche i suoi frutti hanno un elevato valore nutritivo: contengono proteine, calcio, ferro e zinco.   Quest’albero si trovava facilmente nei sentieri della Sierra Nevada e le comunità contadine e indigene raccoglievano questa frutta per il consumo e anche alcuni animali come la danta, animale sacro per la comunità indigena, se ne cibavano. Il seme è piccolo, farinoso e il sapore simile alla patata. In tempi antichi questo frutto rappresentava la sicurezza alimentare per la popolazione. Si consuma bollito e alcuni preparavano anche un dolce spesso e di colore marrone con latte, cocco, zucchero e cannella.   La zona storica di produzione è la Sierra Nevada di Santa Marta nella regione della Guajira. Quest’albero è quasi scomparso a causa dell’utilizzo indiscriminato che se n’è fatto per ottenere la legna quando si costruì la Carretera Troncal del Caribe e a causa dell’avvento delle piantagioni di coltivazioni illecite. Attualmente esistono pochi alberi ma non è possibile stimare quanti. 

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneColombia
Regione

La Guajira

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati