Grano carosella

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

E’ una antica varietà di grano tenero (Triticum aestivum). il nome in dialetto diventa “carusedda” e deriva da “grano tosello” (senza testa, tosato o caruso).
La pianta si presenta a culmo pieno e portamento eretto, favorito dalla taglia minuta, con grande resistenza all’allettamento, anche se con poca resa in paglia.
Caratteristiche positive della varietà sono la grande rusticità e la resistenza alla ruggine ed alla siccità, ma la resa ad ettaro è bassa: dai 7 ai 10 quintali.
La cariosside ha dei segni distintivi particolarissimi: una solcatura che la contraddistingue dagli altri grani. L’involucro esterno può essere di colore bianco o rosso, dando luogo a due diversi ecotipi “carosella rossa” o “bianca”.
L’isolamento geografico, l’estrema rusticità ed adattabilità di questa varietà ad ambienti montani, il tipo di coltivazione ecocompatibile, hanno fatto sì che si tramandasse fino ai giorni nostri.
La farina ottenuta con la molitura è bianchissima e molto apprezzata per la produzione di frese, pizze e taralli. Il pane che si ottiene è esternamente rossiccio e molto croccante.

L’areale di coltivazione in Basilicata è compreso tra i comuni di Castronuovo S.Andrea, Teana, Caldera, Carbone e Fardella (nel Pollino) mentre in Campania sussiste nella zona del Cilento (Pruno Laurino).

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Basilicata

Campania

Altre informazioni

Categorie

Cereali e farine