Gatah

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Гата

Il Gatah è un pane dolce tradizionale armeno fatto di ingredienti semplici: farina, burro e zucchero.
Da tradizione il gatah viene impastato e realizzato in occasione della festività del Tiarn’daraj, o più comunemente Derendèz, ovvero il giorno della presentazione di Gesù al Tempio conosciuta nel mondo occidentale come la Candelora.
Il Tiarn’daraj si festeggia quaranta giorni dopo la Natività di Gesù, che secondo la chiesa apostolica armena cada il 6 gennaio e non il 25 di dicembre.
Ancora oggi questa festività è sentita in Armenia ed in alcune zone del paese, come tradizione vuole si accendono dei fuochi nei cortili delle chiese o davanti le case; secondo la tradizione è possibile trarre dei segnali di buon auspicio guardando la direzione del fumo e prelevando una parte della brace. Quest’ultima viene utilizzata per accendere i tonir casalinghi.
Il tonir è un forno d’argilla, con una forma cilindrica o di campana rovesciata, che viene costruito sottoterra e che ha diversi funzioni e significati all’interno della cultura armena. Durante il Tiarn’daraj si usava far bollire il latte fresco e per cuocere il gatah.
Il dolce gatah ha una forma rotonda, spesso viene decorato con delle scritte o disegni con l’impasto che avanza e ha una farcitura, chiamata “khoriz” a base di burro e zucchero a cui alcune volte vengono aggiunti mandorle oppure il matsuni (lo yoghurt armeno).
Il gatah si accompagna al tè armeno preparato con il samoravan o altre bevande calde come il caffè.
Oggi il gatah preparato in modo tradizionale è difficile da trovare poiché viene realizzato anche dalle industrie dolciarie che ne hanno modificato alcune caratteristiche tra cui il legame con la festività del Tiarn’daraj e l’uso del tonir per farli cuocere.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneArmenia
Regione

Gegharkunik

Kotayk

Tavush

Altre informazioni

Categorie

Dolci

Pane e prodotti da forno

Segnalato da:Ruslan Torosyan