Gameed

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Laban Kherbah, Iben

Detto anche laban kherbah o iben, il gameed si ottiene scuotendo il latte acidificato spontaneamente. La tecnica tradizionale prevede di lasciare il latte di bufala nella “erba”, cioè nello stomaco della capra, dove fermenta tra i 3 e i 15-20 venti giorni, secondo la stagione. Viene soffiata aria nello stomaco prima di chiuderlo ermeticamente e viene scosso fino a che il latte non coagula. A questo punto si separa il burro dal latticello. Dopo di che il latticello viene filtrato per un giorno o due (secondo la stagione) in un telo di cotone per rimuovere il siero rimasto. Il sale può essere aggiunto quando questo latticino è pronto per il consumo oppure per essere riposto nel frigorifero per perdere un poco di acidità. Il gameed è cremoso e gustoso e salubre perchè, essendo prodotto con latte crudo, contiene microbi probiotici, ma anche vitamine, calcio e potassio, ed è lenitivo per lo stomaco e la pelle.

Come nel caso dello zebda baladi, il gameed sta scomparendo, innanzi tutto perchè le comunità locali hanno iniziato a usare zangole meccaniche e poi perché il leben, meno salubre , importato o prodotto industrialmente, è proposto sul mercato a un prezzo inferiore. Il gameed è utilizzato comunemente dalle comunità rurali, a colazione o a cena, accompagnato da pane locale piatto. A volte al gameed si aggiungono peperoncino o spezie come il cumino, se di stagione.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneEgitto

Altre informazioni

Categorie

Latticini e formaggi

Segnalato da:Sara Pozzi - Nawaya