Etarnik

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Странджански Етърник

L’etarnik è un tipo di salsiccia tradizionale chiamata con questo nome solo nella zona del Monte Strandza, nel sud-est della Bulgaria. Prende il nome dal suo ingrediente principale: il fegato, jetro in slavo antico. È un prodotto stagionale, di solito preparato in prossimità delle festività natalizie, e ha una durata molto breve, deve essere consumato infatti entro dieci giorni. Le ricette possono variare leggermente secondo le preferenze delle famiglie, ma, solitamente, vengono utilizzati fegato di maiale, milza, cuore e reni, in alcuni casi viene aggiunta anche la pancetta. Tutti questi organi devono essere tagliati in pezzi, ma non tritati. Il tipico condimento è composto da porri, cipolle, sale, santoreggia, pepe nero e rosso in polvere.   Il composto deve essere riscaldato prima di essere insaccato. La parte più larga dell’intestino tenue viene utilizzata per contenere la carne. Dopo il riempimento, entrambe le estremità sono legate e il ripieno rimane poco compresso in modo da non rompere l’involucro durante la bollitura. Dopo 1-2 minuti di bollitura, l’etarnik è lasciato a scolare e asciugare all’aria. Il prodotto finale è di colore scuro, con un sapore dolce e piccante e un forte gusto di porro. È spesso servito per Natale o Capodanno arrostito con pancetta e altri salumi.   Non esistono dati storici registrati sulla preparazione dell’etarnik, ma le popolazioni locali ricordano le loro nonne che lo preparavano a casa con la carne dei maiali autoctoni della razza suino nero dei Balcani orientali. Questa razza ha migliaia di anni di storia. In passato, erano lasciati liberi ad alimentarsi con ghiande di querce locali. La loro carne è di qualità eccezionale.  Oggi, l’etarnik viene preparato nella città di Malko Tarnovo e nei villaggi della zona, tra cui Brashlyan, Gramatikovo, Slivarovo, Stoilovo, Kosti, Bulgari, Kondolovo, Mladejko e Izvor. Si può trovare negli alberghi della regione, ma è preparato per la maggior parte per il consumo familiare. Con l’aumento dell’emigrazione verso i centri urbani c’è il rischio che questa tradizione possa morire a causa della mancanza di conoscenza tra le generazioni più giovani, e per la carenza di manodopera.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneBulgaria
Regione

Sliven

Altre informazioni

Categorie

Salumi e derivati carnei