Doufu di kuzhu

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

高楼苦槠豆腐

Il kuzhu (Castanopsis sclerophylla (Lindl.) Schott.) è un albero estremamente longevo che cresce sul pendio dei monti a meno di 1000 metri di altezza. Le sue bacche sono conosciute da millenni dai cinesi per le loro proprietà nutritive e curative. Numerosi i riferimenti in testi classici, come nel “Zhuangzi”, nel testo di medicina “Bencao Gangmu” o nel “Compendio di materia medica” di Li Shizhen di epoca Ming.

Il Parco forestale della Valle della ragazza di giada, situato a Gaolou, a ovest di Rui’an, nella provincia dello Zhejiang, ospita una grande estensione di kuzhu secolari, il più vecchio dei quali supera gli 800 anni di età, ritenuto il più grande dell’intera provincia. Il terreno della zona è molto siliceo e quindi le bacche di kuzhu sono ricche di questo minerale molto salubre.
La Cooperativa del kuzhu della Valle della ragazza di giada è stata fondata nel 2012 per tutelare queste piante e per recuperare la lavorazione tradizionale che si stava perdendo. Oggi è l’unica nella città di Rui’an a occuparsi esclusivamente della gestione dei kuzhu e della lavorazione delle loro bacche, ricavandone una serie di prodotti, tra i quali il doufu. La cooperativa conta 42 membri e dà lavoro a circa 100 famiglie locali. La gestione delle foreste di kuzhu e la lavorazione del doufu sono complessi e quindi nel tempo sono stati tralasciati a favore di altre attività più remunerative.

Le bacche di forma tonda cadono dall’albero a novembre, sono raccolte, sgusciate (dopo averle lasciate esposte al sole, per favorire la rottura del guscio), fatte macerate per 12 ore nell’acqua, ridotte in polvere e cotte al vapore. Ne risulta una pasta che viene tagliata a riquadri, poi a strisce e quindi essiccata al sole: è il doufu.
Questo prodotto nei secoli ha permesso la sopravvivenza delle famiglie contadine della zona in tempi di guerra e di disastri naturali, e ora ha ritrovato favore presso il pubblico per le sue qualità: è ricco di proteine, lecitina, flavoni, ferro, calcio, fosforo, magnesio, zinco e molto selenio. Disintossica, favorisce le funzioni dello stomaco, del fegato e dei reni e riduce la pressione e il livello di grassi nel sangue. Risulta particolarmente efficace in caso di dissenteria.

Noto come “carne vegetale”, è molto apprezzato dai vegetariani. Si accompagna sia alla verdura sia alla carne. Secondo la tradizione, dopo il raccolto, i contadini di Gaolou preparavano una zuppa di riso con l’aggiunta di polvere di osso di seppia, cioè di polvere ottenuta frantumando la parte interna della conchiglia della seppia (Endoconcha Sepiae), fave fritte, doufu di bacche di kuzhu e foglie di una pianta rampicante chiamata Euonymus fortunei (Turcz.) Hand.-Mazz, usata nella medicina tradizionale. Questa zuppa favorirebbe le funzioni dei reni.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneCina
Regione

Zhejiang

Area di produzione:Gaolou, Rui’an

Altre informazioni

Categorie

Altro

Frutta fresca, secca e derivati

Segnalato da:Wang Xiaoshu