Coniglio cincillà americano

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Coniglio cincillà americano

I cincillà originari provenienti dall’Europa erano piuttosto piccoli, pesavano infatti 5-7,5 libbre (2-3,5 chili), pertanto gli allevatori americani decisero di produrre un animale più grande e più adatto alla produzione di carne e come animale domestico. Attraverso degli allevamenti selettivi finalizzati a una dimensione maggiore, con ossa fini e e una buona percentuale di resa, si ottenne una razza media di cincillà “pesante”. Era di dimensioni maggiori del cincillà tradizionale, con la stessa forma, la stessa struttura genetica e lo stesso colore. Secondo la American Livestock Breeds Conservancy, il cincillà americano è in serio pericolo di estinzione. Sebbene molto popolare tra gli anni Venti e i Quaranta, oggi questa è la più rara tra le razze di cincillà, infatti si trova soltanto negli Stati Uniti, dove la concentrazione maggiore è nel Midwest. La scarsità della sua popolazione è dovuta soprattutto al crollo nell’industria della pelliccia di coniglio, cominciato alla fine degli anni Quaranta. Nonostante le qualità della carne di questa razza, oggigiorno i produttori preferiscono i conigli completamente bianchi per il mercato della carne. Il coniglio cincillà americano è un coniglio di ossatura media con un lombo profondo e spalle grandi, che produce ottime proporzioni di carne. La sua resa è buona e la carne è considerata di ottima qualità e gusto delizioso.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneStati Uniti
Regione

Midwestern US

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento