Cipollotto Yatabe

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Cipollotto Yatabe

Yatabenegi

Lo Yatabenegi è coltivato nell’area della città di Obama (prefettura di Fukui) sull’isola di Honshu, dall’inizio del periodo Meji (fine Ottocento) e appartiene alla specie Allium fistulosum L. (cipolla invernale). Il germoplasma dello Yatabenegi è conservato nell’Istituto di ricerca sulle risorse agricole, ittiche e forestali della prefettura di Fukui. I suoi elementi distintivi sono il gusto dolce e la parte sotterranea ricurva, entrambi dovuti al metodo colturale tradizionale e alle caratteristiche del terreno (sabbie alcaline con un buon drenaggio). Durante il ciclo tradizionale di coltivazione, lo Yatabenegi è trapiantato due volte: viene seminato nel semenzaio (una piccola serra riscaldata naturalmente dalla luce solare) e poi trapiantato in campo aperto in primavera. Da maggio a settembre può essere raccolto e usato come aroma e condimento, ma è preferibile operare un secondo trapianto in cui si pone la pianta nel terreno in posizione obliqua. In questo modo, la parte nel terreno si curva, diventando morbida e dolce. La raccolta, in questo caso, si può protrarre da ottobre ad aprile, ma il periodo di massima disponibilità del prodotto è da dicembre a febbraio, periodo in cui, all’interno della parte bianca della radice, curvata a forma di uncino, si forma un’anima morbida e vischiosa, molto saporita. Nella cucina tradizionale della zona, lo Yatabenegi è consumato sia crudo sia cotto. La specialità della zona di Obama (area famosa per la pesca dello sgombro, che tradizionalmente viene venduto sui mercati di Kyoto) è la Nuta di negi (cipolla invernale) e sgombro una marinatura sotto miso (un condimento derivato dai semi della soia gialla, di origine giapponese) e aceto. Lo Yatabenegi è anche un ingrediente fondamentale del Nabemono (pietanza cucinata in una pentola di coccio) e del Sukiyaki (preparazione a base di carne di manzo). La produzione è in forte calo: gli agricoltori che continuano a praticare questa coltivazione sono pochissimi e di età avanzata; il ciclo colturale è, infatti, molto lungo e delicato. Il comune di Obama sta cercando di incentivarne la coltivazione sostenendo una cooperativa di produttori, ma è molto difficile coinvolgere giovani in questa attività.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneGiappone
Regione

Chubu

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali