Castagna d’acqua della Polesia

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Chilim

Nei laghi e nei fiumi dal corso lento, sulla superficie dell’acqua si possono notare delle foglie galleggianti a forma di coccarda. I fiori sono visibili a pelo dell’acqua il mattino e la sera. Sotto la superficie dell’acqua si forma invece il frutto, una noce con due o tre sporgenze ricurve che assomiglia ad un’ancora. La pianta viene chiamata noce d’acqua (Trapa natans). La parte interna, grande e bianca, è saporita e nutriente, contiene 3% di grassi, 24% di proteine e il 55% di amido.

Nella regione settentrionale della Bielorussia, dove l’agricoltura non è molto sviuppata a causa del clima ostile, alla foce del Danubio in Ucraina e nella regione chiamata Polesia, al confine tra Ucraina e Bielorussia, la castagna d’acqua è sempre stata usata come alternative alle patate e al grano. Veniva usata cruda, bollita in acqua salata o cotta al forno, con la farina delle castagne d’acqua si preparava anche un pane. A causa dello sviluppo agricolo incontrollato e dell’inquinamento questo prodotto tradizionale sta scomparendo.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneBielorussiaUcraina
Regione

Ivano-Frankivsk oblast

Minsk voblast

Area di produzione:Aree paludonese della Polesia

Altre informazioni

Categorie

Altro

Segnalato da:Alla Khoren