Razza bovina Cachena da Peneda

Torna all'archivio >

La ‘Carne Cachena da Peneda’ è una carne bovina portoghese Dop, particolarmente apprezzata dagli estimatori per la sua succulenza, la sua tenerezza e il suo inconfondibile sapore. Si ottiene dai bovini di una razza di piccola taglia, la Cachena da Pineda appunto. La razza è adatta al pascolo e la sua carne prende tre denominazioni differenti a seconda dell’età dell’animale.La carne del vitello da latte, la più tenera delle tre varietà, è detta ‘vitelo’. Il disciplinare impone di macellare la bestia quando il suo peso vivo va dai 70 ai 120 kg: questo peso corrisponde a un’età compresa tra i quattro e i nove mesi. Il vitello svezzato è detto ‘novilho’, termine che si riferisce agli animali macellati tra i nove mesi e i due anni di età. Come nel caso del vitelo, l’aroma e il gusto della carne di novilho rispecchiano l’alimentazione naturale dell’animale. È detta ‘vaca’ la carne del bovino adulto, di età compresa tra i tre e i cinque anni. La fibra non è più così tenera, ma la carne è altrettanto succulenta e gustosa, ed è carne di bovini che hanno pascolato all’aperto per la maggior parte del tempo.Gli animali vivono su prati naturali sia in inverno che in estate, in aree delimitate dette ‘brandas’. Le inconfondibili qualità di questa carne bovina sono il risultato di una speciale dieta contraddistinta da un regolare apporto di vegetazione di alta montagna: per nove mesi l’anno, indicativamente dall’inizio della primavera al tardo autunno, l’animale si nutre esclusivamente di arbusti ed erba di alpeggio, e scende a valle solo per l’inverno (nei mesi freddi soggiorna in prati di pianura nei pressi dei centri urbani). Dato che d’inverno la vegetazione naturale non è del tutto sufficiente, la dieta dell’animale è integrata due volte al giorno con mangimi, o più spesso con fieno e foraggio secco ricavati da coltivazioni locali, perché il disciplinare vieta l’utilizzo di mangimi industriali e di alimenti importati dall’esterno dell’areale di produzione. L’introduzione della Dop ha portato a un’esplosione della domanda, al punto che i circa quaranta produttori non riescono più a soddisfare interamente la richiesta del mercato. La priorità è non venire meno all’imperativo della qualità, e ciascuno dei passaggi della catena che va da produttore al consumatore è oggetto di scrupolosi controlli.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No
Torna all'archivio >

Territorio

NazionePortogallo
Regione

Viana do Castelo

Area di produzione:Montagne di Peneda, Soajo e Amarela

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento

Segnalato da:Jorge Miranda
Arca del GustoI prodotti tradizionali, le razze locali, i saperi raccolti nell'Arca del Gusto appartengono alle comunità che li hanno preservati nel tempo. Sono stati rintracciati e descritti grazie all'impegno della rete che Slow Food ha sviluppato in tutto il mondo con l'obiettivo di conservarli e diffonderne la conoscenza. I testi delle schede possono essere utilizzati, a fini non commerciali, senza modificarne il contenuto e citandone la fonte, ma esclusivamente per scopi coerenti con la filosofia di Slow Food.