Carachama

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il carachama (Psendorinelepis genibarbis) è una specie d’acqua dolce appartenete all’ordine dei Siluriformes, comunemente chiamati “pesci gatto”. Questo pesce è nativo del Bacino dell’Amazzonia, dunque si può trovare in un’area compresa dal Brasile fino al Perù.
La forma particolare del carachama, assieme alla sua grande adattabilità, hanno permesso a questa specie di sopravvivere e mantenersi fino ad oggi.
In Perù questo pesce è diffuso nella regione della Selva peruviana, nei Dipartimenti di Loreto, Ucayali e San Martin. Durante la stagione umida vive tra gli acquitrini ed in canali che si formano lungo il corso dei principali fiumi amazzonici peruviani, come il Madre de Dios che nasce dalla cordigliera Tres Cruces, a circa 4000 metri di altitudine sul livello del mare.

Il pesce carachama predilige le aree fangose, poco profonde e ricche sia di vegetazione che di residui organici in decomposizione. Si tratta di un pesce notturno che si definisce xilofago, ovvero che si nutre principalmente di sostanze legnose e degli insetti che si trovano all’interno del legno. Questa caratteristica lo rende un pesce importante dal punto di vista ecologico, in quanto svolge un ruolo fondamentale nel processo di decomposizione della materia organica.

Un’altra peculiarità è l’aspetto, alquanto singolare: il corpo del carachama, eccezione per la testa, è ricoperto da una sorta di corazza formata da una serie di squame di colore tra il grigio ed il nero. Grazie a questa corazza che funge da protezione il carachama è in grado di resistere all’attacco di diversi predatori che popolano le acque dei fiumi amazzonici. Come gli altri siluriformi, questa specie è in grado di respirare e muoversi verso zone migliori durante la stagione secca. I pescatori locali sfruttano a loro vantaggio questa caratteristica e posizionano delle reti sul bagnasciuga per catturare i pesci.

Nella gastronomia loretana viene utilizzato come ingrediente nella preparazione di zuppe di pesce, come il “chilcano de pescado”; questa zuppa di pesce diffusa anche in altre zone, nella Selva peruviana viene chiamata “timbuche” e si prepara usando i pesci d’acqua dolce pescati nei fiumi del Bacino dell’Amazzonia. Inoltre, vengono aggiunti altri ingredienti per insaporire il pesce e la zuppa che sono legati alla tradizione amazzonica, come il “finto coriandolo” chiamato sacha culantro (Eryngium foetidum).

Il pesce carachama può essere preparato seguendo il metodo della “patarascha”: il pesce intero viene avvolto nella foglia di bijao (Calathea lutea) insaporito con diversi aromi e cotto alla brace.
Negli ultimi decenni la popolazione di questo pesce si trova a rischio estinzione a causa di diversi fattori: uno di questi è la pesca illegale, ma è soprattutto l’inquinamento del bacino idrico che sta causando diverse morie decimando questa specie ed altre.

Torna all'archivio >

Territorio

NazionePerù
Regione

Loreto

Madre de Dios

Ucayali

Area di produzione:Selva peruviana

Altre informazioni

Categorie

Pesce, frutti di mare e derivati

Segnalato da:Dauro Mattia Zocchi, Pedro Miguel Schiaffino