Capra scozzese nativa

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Queste capre dalle corna lunghe probabilmente discendono da capre selvatiche addomesticate. Storicamente, ne esistono da molto tempo popolazioni sparse che vivono tra le colline più impervie del paese. Le capre apparvero in Scozia per la prima volta ben prima delle pecore, addirittura 8000 anni fa, quando la Scozia era ancora coperta dai ghiacci. In passato erano usate per la produzione di formaggio, latte e carne, oggi solo per la carne. Questa è l’unica razza caprina autoctona in Scozia; le razze usate per la produzione di formaggio sono invece importate. In passato ne sarebbero stati utilizzati anche il vello e le corna. Il pelo di capra era un tempo lavorato insieme alla lana per rafforzare il filo e realizzare calze e altri indumenti di uso intenso. Le capre sono state sicuramente addomesticate prima delle Highland Clearances del decennio successivo al 1750. Esistono infatti prove della presenza di capre negli sheiling, i rifugi di montagna scozzesi. Con le Clearances, la gente fuggì, emigrò o fu uccisa e le capre scapparono. Le antiche greggi rappresentano la base delle colonie scozzesi che esistono ancora oggi. Non sono mai state reclamate come proprietà di una comunità, visto che furono lasciate libere dai giorni delle Highland Clearances, quando i crofter (piccoli fattori) furono cacciati dalle loro terre. Oggi si trovano prevalentemente sulla costa occidentale della Scozia.

La razza è a rischio di estinzione a causa dei cambiamenti nelle pratiche di allevamento e per lo scarso apprezzamento delle razze antiche. Non si conosce approfonditamente la sua storia e aumenta la richiesta di grossi tagli di razze moderne; nessuno di questi fattori aiuta la sua sopravvivenza. Considerate animali nocivi da alcuni e incrociate talvolta con capre importate, le capre di questa razza autoctona sono a rischio di estinzione.
La loro perdita significherebbe anche la perdita di un pezzo dell’anima scozzese. La popolazione sta diminuendo e in Gran Bretagna sono molto poche le razze pure rimaste. Le capre autoctone delle Shetland si aggirano libere nelle tenute, dove alcuni le ignorano o le maledicono, mentre altri, fortunatamente, le apprezzano e se ne prendono cura. Con la giusta gestione delle capre è possibile ottenere un livello equilibrato della popolazione e mantenere al contempo la salute generale del gregge. Questo genere di attività sostiene il turismo e offre una fonte di cibo sostenibile per l’ecosistema. Selezionando i maschi maturi oltre il periodo riproduttivo, la popolazione può essere mantenuta in equilibrio. Inoltre, poiché le capre selvatiche non sono classificate come selvaggina, non esiste una stagione di divieto di caccia ufficiale. Detto questo, per motivi etici non vengono cacciate prima dell’autunno, per consentire ai capretti di crescere e diventare indipendenti. È possibile cacciare capre autoctone alla Ardnamurchan Estate o negli Scottish Borders.

Queste capre cercano luoghi apri e spopolati, lontani dalle zone battute. Oggi è solo l’attività dei cacciatori che consente l’accesso alla loro carne. Le capre autoctone scozzesi sono a rischio di estinzione perché “sotto attacco” da diverse autorità. La classificazione come animali selvatici richiede un certificato veterinario prima della macellazione (un onere burocratico in più), ma si trovano ancora alcuni macellai che se ne occupano e la loro carne è molto apprezzata.
Secondo un’indagine spagnola e uno studio norvegese, la carne di capra è considerata la più sana per chi ha problemi digestivi. La razza delle capre autoctone scozzesi non è stata “sviluppata” e continua a nutrirsi in natura; le carni hanno così caratteristiche particolari e il loro sapore riflette il terroir. Sono particolarmente ricche e versatili, adatte alla cottura lenta, per ottenere ottimi stufati. Possono anche essere essiccate, maturate e usate per la preparazione di salsicce. Le zampe possono essere essiccate per ottenere ottime carni conservate.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneRegno Unito
Regione

Scotland - Shetland

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento

Segnalato da:Wendy Barrie, Bosse Dahlgren