Capra criolla del nord di Neuquén

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Nella zona settentrionale della provincia di Neuquén esistono più di 1500 famiglie di piccoli produttori chiamati crianceros dedicati all’allevamento di capre. Lì, la capra criolla del nord di Neuquén (civito) è allevata nelle nelle zone di Chos Malal, Minas, Pehuenches, Ñorquín, Loncopue e Añelo per due tipi di produzione di carne. Il Civito mamón è lavorato quando le capre hanno tra i 45 e i 120 giorni di vita, mentre il civito de Veranda tra i 120 e i 180 giorni.   Le capre civito mamón si nutrono esclusivamente di latte materno e non sono portate al pascolo. Sono macellate quando raggiungono un peso tra i 4 e i 9 kg ed hanno carne molto tenera. I civito criollo de Veranda si nutrono di latte e successivamente passano una stagione al pascolo. Sono macellate quando raggiungono un peso tra gli 8 e i 14 chili, le capre criolle del nord di Neuquén appartengono alla razza criolla Neuquén, di cui esistono due popolazioni, Bare e Chilludo.   Questa razza si differenzia da altre razze caprine per la modalità di allevamento. Gli animali sono allevati al pascolo seguendo la pratica della transumanza e il ciclo di produzione è stagionale. I saperi legati alla gestione di questa razza sono tramandati dall’epoca dei Pehuenches, gli antichi abitanti della regione. Prima dell’arrivo degli spagnoli i Pehuences erano pastori, che trasferirono i saperi legati all’allevamento con l’introduzione degli animali nella regione.   Il consumo di chivito è legato alle festività nella vita religiosa o sociale, come la festa della mamma, il Natale, compleanni, anniversari o giorni dei santi. La carne di questa razza è inoltre protetta da una denominazione d’origine in Argentina. Si stima una lavorazione stagionale di  circa 5000 capre. La carne è attualmente venduta a livello locale e regionale.   La reputazione a livello qualitativo rappresenta uno dei punti di forza per la vendita di carne  di capra criolla del nord di Neuquén, perciò una mancata differenziazione di prodotto a livello commerciale condiziona negativamente i prezzi pagati agli allevatori. Inoltre, l’assenza di politiche pubbliche attive per migliorare le condizioni di vita delle famiglie rurali che producono carne di capra criolla rappresenta un ulteriore motivo per migrare verso zone urbane. Questi elementi contribuiscono alla disintegrazione delle famiglie e interrompono il passaggio di attività di generazione in generazione.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneArgentina
Regione

Neuquén

Altre informazioni

Categorie

Razze animali e allevamento