Cacao criollo della Sierra Nevada

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Il cacao criollo, conosciuto come cacao cimarrón o montañero, viene prodotto al piedi e sulle pendici della Sierra Nevada di Santa Marta. L’albero può arrivare a 4 o 5 metri, il tronco non è grande, le foglie sono forti, corte e angolari e di colore verde intenso. Il frutto può misurare tra i 10 e 15 centimetri di grandezza, il colore iniziale è verde e quando è maturo diventa giallo. I semi sono piccoli, spessi e avvolti da meno polpa rispetto a un cacao comune, la polpa è bianca come il seme. Questo cacao ha un aroma delicato e una bassa produttività.   Questa coltivazione si diffuse grazie agli scambi di semi tra le etnie che vivevano nella regione della Guajira e attraverso il mescolarsi tra coltivazioni autoctone e quelle importate di contrabbando. I primi riferimenti bibliografici circa la produzione del cacao nel comune di Dibulla risalgono all’anno 1895. Recentemente l’Associazione di Produttori Biologici del Comune di Dibulla (APOMD) ha deciso di realizzare un vivaio per il cacao criollo, riuscendo a raccogliere più di 50 semi con il proposito di far rivivere questa varietà autoctona del territorio. Dal punto di vista gastronomico il cacao criollo veniva e viene principalmente utilizzato per realizzare palline di cioccolato. Non esiste un vero registro di produzione del cacao criollo, per cui è difficile definire la quantità prodotta. Si trova sul mercato ma talvolta mischiato con varietà ibride di cacao. E’ in via di estinzione a causa della bassa produttività e redditività per i suoi produttori. Le piante di cacao criollo sono state via via sostituite da ibridi più produttivi, con caratteristiche organolettiche inferiori. Inoltre, quando iniziò la proliferazione di colture illecite sulle pendici della Sierra Nevada, molti hanno sostituito gli alberi di cacao criollo con piante di marihuana o di coca. Lo stato ha utilizzato diserbanti come il glifosato per eradicare le colture illecite, danneggiando la biodiversità della zona. Inoltre, chi è tornato a produrre cacao l’ha fatto utilizzando per lo più piante di varietà ibride. 

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneColombia
Regione

La Guajira

Altre informazioni

Categorie

Cacao