Burrino

Torna all'archivio >

È un prodotto a doppia struttura formato da una parte esterna di pasta filata e da una parte interna di burro ottenuto dal siero. Questo burro viene lavorato a mano in acqua molto fredda, messo in frigo a solidificare e poi inserito nell’involucro di pasta filata, ottenuta con caglio liquido di vitello, che viene strozzato al collo e chiuso all’apice immergendo il formaggio in acqua molto calda. Può anche essere effettuato un processo di semicottura riscaldando la cagliata con siero o con acqua calda. Si presenta di colore bianco avorio o giallo, esternamente di colore giallo paglierino, ha consistenza cremosa e odore intenso. La crosta presenta buccia liscia, sottile, lucida, di colore bianco paglierino mentre la pasta è grassa, elastica all’esterno, cremosa all’interno. Le facce sono lisce, con un diametro di 6-10 cm. Lo spessore massimo è di 15 cm e il peso varia da 250 a 500 grammi. Particolarmente apprezzato è quello prodotto con latte di vacche di razza podolica.Un formaggio è fatto con tecniche molto simili anche a Campania e Molise, dove è chiamato Manteca. È fatto anche a Calabria con il nome Butirro o Piticelle.  Area di produzione: Tutta la regione lucana

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Basilicata

Altre informazioni

Categorie

Latticini e formaggi