Bottarga di Favignana

Arca del Gusto
Torna all'archivio >
Bottarga di Favignana

Arrivando nel minuscolo porto di Favignana (provincia di Trapani), lo scenario è dominato da un’antica e maestosa costruzione: un edificio color sabbia rosata, fatto di archi a sesto acuto e di torri alte e sottili che sembrano minareti. Sono i vecchi stabilimenti per la lavorazione del tonno, attivi fino agli anni Cinquanta. L’interno sembra quello di una cattedrale, con volte a crociera, stanze sterminate e archi affacciati sul mare. Qua e là si vedono vecchie scatolette di latta con impresso il celebre leone della famiglia Florio, antica proprietaria.Purtroppo, dell’antica tradizione conserviera dell’isola non rimane che una piccola azienda artigiana che lavora bottarga di tonno e che incontra sempre maggiori difficoltà a reperire materia prima del luogo: il tonno della mattanza di Favignana è infatti venduto e lavorato nel Trapanese. Inoltre i tonni diminuiscono inesorabilmente di anno in anno: la riduzione del pesce è legata alla concorrenza delle tonnare volanti giapponesi (provviste di aerei con scandagli-radar) e delle spadare. I tonni di mattanza oggi sono pochi e piccoli, sui 90, 100 chili di peso. Ben lontani dai colossi di 300 chili di anni addietro ma, soprattutto, ben lontani da certe cifre record del passato: nel 1865, ad esempio, i favignanesi catturarono 14.020 tonni. Le tonnare si mettono in acqua ad aprile: la pesca inizia a maggio e continua fino a San Giovanni (24 giugno).Le reti ancorate sul fondo del mare formano un labirinto e intrappolano i tonni. In superficie le boe ondeggiano indicando l’avanzare dei pesci. Quando le ultime segnalano l’ingresso del gruppo nella “camera della morte”, comincia la mattanza. È questo il momento che il rais (il capo in arabo) e i tonnaroti aspettano tutto l’anno. La mattanza è antichissima: probabilmente inventata dai Greci, portata in Sicilia dai Fenici e messa a punto dagli Arabi, ma oggi rischia di diventare solo un’attrazione turistica. Il tonno si mangia fresco, ma si presta soprattutto alla conservazione sott’olio. Ventresca e budella essiccate e salate si fanno arrosto; le frattaglie si conservano sotto sale; le rigaglie si insaccano con sale e pepe in salsicce dette ficazze; la bottarga essiccata si mangia a fettine o grattugiata e così via.La bottarga di tonno è mediamente più scura e più “marina” di quella di muggine. Quella tradizionale di Favignana ha una straordinaria qualità: i sentori di mare e di acciuga salata sono tenui e il salato in bocca è mitigato dalla pastosità e dalla lunghezza della materia prima.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneItalia
Regione

Sicilia

Altre informazioni

Categorie

Pesce, frutti di mare e derivati