Bimbala

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

La vongola sanguinosa selvativa, chiamata localmente bimbala (Tegillarca granosa), è una specie di mollusco bivalve appartenente alla famiglia delle Arcidae. Il suo guscio è particolarmente spesso e rigido, con una forma ovoidale e rigonfiata. Cresce molto lentamente solo in particolari condizioni nelle baie e negli estuari marini, solitamente sotto la sabbia dove l’acqua è profonda 1-2 metri. Le dimensioni di un adulto è di circa 5-6 centimetri di lunghezza e 4-5 centimetri di profondità.

La bimbala è un alimento tipico delle comunità indigene australiane, come dimostra l’enorme quantità di conchiglie trovate nei “tumuli”, depositi di detriti provenienti da molluschi o altri resti alimentari, carboncini da fuoco o attrezzi in pietra o gusci. Solitamente questi “tumuli” si trovano in tutta l’Australia, in particolare vicino alla costa o presso laghi, paludi e rive dei fiumi. Possono risalire a centinaia o migliaia di anni fa e hanno un ruolo scientifico fondamentale poiché possono raccontare le attività delle popolazioni indigene del passato.

Dal punto di vista nutrizionale, la bimbala ha un elevato contenuto di ferro, grazie al liquido ricco di emoglobina che contiene al suo interno. Cruda, ha un intenso colore rosso, tendente al bordeaux; cotta, il colore diventa rosso scuro, quasi marrone. E’ un mollusco disponibile tutto l’anno. Dal momento che ha la capacità di filtrare batteri, ha un ruolo molto importante nel fragile equilibrio degli ecosistemi marini.

Negli anni si è assistito a un’intensa diminuzione di bimbala a causa della sovrapesca (è un alimento molto popolare in Asia), dell’azione delle onde delle imbarcazioni a motore e dell’erosione costiera dovuta alla distruzione dell’habitat per le attività umane che vi si sono sviluppate. E’ pertanto essenziale tutelare la loro esistenza e garantire che venga controllata la raccolta.

Le comunità indigene di Budawang sono solite cuocere i gusci di bimbala sui carboni ardenti: il calore fa sì che i molluschi si aprano e possa essere mangiato l’interno nel loro stesso liquido. I resti sono solitamente scartati.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneAustralia
Regione

New South Wales

Area di produzione:Regione di Shoalhaven: Milton-Ulladulla

Altre informazioni

Categorie

Pesce, frutti di mare e derivati

Comunità indigena:Budawang (lingua Durga)
Segnalato da:Noel Butler e Slow Food Shoalhaven