Banana ndiizi

Torna all'archivio >
Banana ndiizi

Le banane Ndiizi (Musa acuminata) sono localmente classificate in due cultivar, la varietà di piccole dimensioni (ndiizi omutono) e la varietà di grandi dimensioni (ndiizi omunene). Le piante hanno piccoli tronchi leggeri alti 3-4 metri. Generalmente le foglie sono più piccole, appuntite e allungate rispetto alle altre varietà. La ndiizi omutono, in realtà, ha foglie più piccole e leggere rispetto alla ndiizi omunene. Nella regione del monte Elgon, in Uganda orientale, la ndiizi è localmente conosciuta come khabalagala.

La Ndiizi è la varietà più resistente nei terreni poveri e nel clima arido delle regioni dove è coltivata, in Uganda. La pianta può sopravvivere anche 30 anni se ben gestita.
I frutti maturano velocemente, tre giorni dopo il raccolto, e hanno una polpa dolce, che profuma di mele e con un lieve sapore di ananas. I caschi crescono più lentamente rispetto alle altre varietà: una volta che i fiori fioriscono, sono necessari 5 mesi – contro i 3 delle altre varietà – perchè il frutto si sviluppi.

Le banane sono usate per uso personale, sia fresche che trasformate in frittelle (a base di banane, farina di manioca e bicarbonato di sodio o altri agenti lievitanti) vendute nel villaggio, ai ristoranti o a rivenditori di frittelle. In molte comunità, specialmente durante la stagione secca in cui manca il cibo, le banane non mature sono pelate, essiccate al sole e trasformate in farina da mescolare alla farina di miglio per preparare un impasto chiamato localmente kalo. Le foglie sono usate anche in molte tecniche di cottura tradizionali, come per il luwombo (impasto cotto all’interno delle foglie), oltre che per cuocere al vapore i cibi poichè non trasferiscono il loro aroma agli alimenti.

Foto: © Henrique Gobbi Hedler & Fellipe Abreu de Alcântara

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • YesNo
Torna all'archivio >

Territorio

NazioneUganda
Regione

Masaka

Mbale

Mukono

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Segnalato da:Kityo Umar, Oliva Kwayu, Ms Zubeda Kondo