Awa della valle di Iya

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

祖谷のアワ

Il panìco (Setaria italica) è un cereale appartenente alla famiglia delle Poaceae i cui piccoli frutti, di colore marrone chiaro, si sviluppano a grappolo.

Detto awa in giapponese, è coltivato nella prefettura di Tokushima da tempi lontani: l’antico nome della prefettura “Awa” deriva infatti dalla diffusa coltivazione di panìco praticata nei secoli passati, già dal periodo Jōmon (1400-300 a.C.). Nei secoli successivi il panìco fu sostituito dal riso pressoché ovunque in Giappone ma in questa valle i pendii erano troppo ripidi per le coltivazioni di riso e si mantenne il panìco.

L’awa si coltiva su pendii ripidi, quindi sia la semina che la raccolta sono fatte a mano. Dopo aver preparato il terreno, la semina si svolge nei mesi di maggio o giugno. In ottobre si raccoglie usando delle forbici. La valle di Iya è una zona montagnosa dalla fragile geologia, i villaggi e i campi sono molto ripidi e franosi. Se si convertissero questi ripidi pendii in campi agricoli permanenti, il suolo sarebbe lavato via dalla pioggia e dal vento.
L’awa della valle di Iya ha un sapore leggero e dolce, e si consuma sotto forma di farina. È necessario immergere i chicchi per tre giorni in acqua, successivamente cuocerli a vapore e poi pestarli insieme a dell’artemisia. La farina ottenuta dalla massa essiccata e polverizzata si utilizza per la preparazione del tradizionale “mochi” durante la festività di Tokaya (“giorno del cinghiale”) il 10 ottobre e dell’Oinokosan, una festa del ringraziamento dedicata ai bambini che ogni famiglia celebra. I prodotti per la preparazione del mochi – ossia il panìco (awa), il kokibi (Panicum miliaceum) e il takakibi (Sorghum bicolor) – sono chiamati “mochi shine”, ed il lavoro agricolo legato alla loro coltivazione è chiamato “shirai”. Per questo motivo, durante l’estate, a Iya i locali sono soliti chiedersi: “Hai finito lo shirai di mochi shine?”

I semi di awa della valle di Iya sono stati tramandati di generazione in generazione. Oggi, il numero di persone che vivono nell’area di Higashi Iya sta gradualmente diminuendo man mano che la popolazione invecchia e il tasso di natalità diminuisce. L’awa autoctona è protetta dai pochi agricoltori della valle che continuano a preservarla e tramandarla.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneGiappone

Altre informazioni

Categorie

Cereali e farine

Segnalato da:Naoki Naito