Arancia di Ermelo

Torna all'archivio >

Laranja ermelo

Nel XIII secolo i Monaci di Cistercensi si stabilirono nella frazione di Ermelo, appartente al municipio di Arcos de Valdevez, situata sul versante est del Monte Gião e confinante con il parco Nazionale della Peneda-Gerêse. Sfruttarono il clima favorevole dell’area, e introdussero la coltivazione dell’arancia. Il microclima dell’area è particolarmente favorevole alla produzione di agrumi quali l’arancia.

Caratterizzata da una buccia liscia e sottile, l’arancia di Ermelo è di medie dimensioni, molto dolce, poco fibrosa, ha pochi semi ed è molto succosa. Gli appezzamenti di terreno sono di piccole dimensioni e tutte le attività legate alla produzione vengono realizzate manualmente. In quest’area è vietato l’uso di prodotti di sintesi chimica come i pesticidi, insetticidi e fertilizzanti.

Il prodotto viene commercializzato localmente, attraverso la vendita diretta da parte dei produttori o tramite l’ADLE, che si occupa della commercializzazione nei comuni di Arcos de Valedevez e Ponte da Barca. Le arance di piccole dimensioni vengono utilizzate per la produzione del succo d’arancia.
Attualmente i produttori soci dell’ADLE, l’unica associazione esistente nella regione che si occupa della produzione, promozione e commercializzazione dell’arancia di Ermelo, sono 19, ma nell’area vi sono altri produttori che non si sono ancora associati. La produzione annuale si aggira intorno ai 50000 Kg d’arance (vi sono infatti 500 aranci che producono in media 100 Kg di arance ciascuno).

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
    Did you learn something new from this page?

  • Yes   No
Torna all'archivio >

Territorio

NazionePortogallo
Regione

Viana do Castelo

Area di produzione:Comune di Arcos de Valdevez

Altre informazioni

Categorie

Frutta fresca, secca e derivati

Segnalato da:P. Belmiro Esteves Amorim
Arca del GustoI prodotti tradizionali, le razze locali, i saperi raccolti nell'Arca del Gusto appartengono alle comunità che li hanno preservati nel tempo. Sono stati rintracciati e descritti grazie all'impegno della rete che Slow Food ha sviluppato in tutto il mondo con l'obiettivo di conservarli e diffonderne la conoscenza. I testi delle schede possono essere utilizzati, a fini non commerciali, senza modificarne il contenuto e citandone la fonte, ma esclusivamente per scopi coerenti con la filosofia di Slow Food.