Allarut

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

L’allarut è una tuberosa coltivata nei jhum (campicelli a consociazione di coltura) dello stato del Meghalaya (India nordorientale). Il tubero è piccolo (meno di 10 cm in lunghezza) e presenta una forma allungata appuntita alle estremità. Il colore è bianco. La parte della pianta che cresce sopra la terra, di colore verde e con piccole foglie appuntite, si aggira sui 30 cm di altezza. In vista della coltivazione i tuberi vengono dapprima conservati in un luogo secco per due o tre mesi. Tra febbraio e marzo vengono piantati, e il prodotto è pronto per la raccolta tra dicembre e gennaio.

Il gusto dell’allarut è poco pronunciato, ma tendente al dolce, e il tubero secerne un liquido che ha l’aspetto del latte. Nel distretto delle Colline del Khasi occidentale, durante le giornate di lavoro nei campi, gli abitanti masticavano tradizionalmente l’allarut come fosse chewing gum. Il liquido bianco che si ottiene spremendo il tubero a mano veniva utilizzato tra le altre cose come surrogato del latte materno nell’alimentazione dei neonati. Il tubero, però, si può anche cuocere al fuoco e mangiare come spuntino, magari accompagnandolo con del tè.

Un tempo si trovava in vendita sui mercati locali, ma oggi si coltiva soprattutto per uso personale. Non possediamo cifre esatte, ma la gente del posto riferisce di un declino generalizzato della produzione e del consumo di allarut. Le generazioni più giovani tendono ormai a non conoscere questo ortaggio, che poche famiglie continuano a coltivare con regolarità. L’allarut rischia seriamente di scomparire, perché non ha prospettive commerciali sul mercato.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneIndia
Regione

Meghalaya

Altre informazioni

Categorie

Ortaggi e conserve vegetali

Comunità indigena:Khasi