Alga saccharina

Arca del Gusto
Torna all'archivio >

Le alghe marine sono generalmente suddivise in tre gruppi: verdi, rosse e marroni. Le alghe marroni comprendono il kelp, che forma fitte foreste sottomarine nella acque fredde e ricche di nutrienti alle latitudini più alte. Queste foreste forniscono habitat e cibo per innumerevoli altri organismi (molti economicamente importanti), oltre a importanti servizi ecosistemici come il sequestro di carbonio e la regolazione dello scambio di CO2 tra l’atmosfera e gli oceani. Il kelp è un importante alimento e fertilizzante per le culture costiere di tutto il mondo, dal Giappone al Sudafrica e dal Cile all’Irlanda.

La Saccharina latissima è una specie di kelp marrone-giallastro che cresce a profondità fino a 30 metri. Si trova diffusamente nelle acque costiere dell’emisfero settentrionale temperato, comprese le coste dell’America settentrionale orientale, dal Long Island Sound al Golfo del Maine, fino all’Artico. In inglese è comunemente nota come sea belt, devil’s apron o sugar kelp. Quest’ultimo nome deriva dal fatto che, quando l’alga raggiunge le spiagge e si secca, sulla sua superficie si forma una polvere bianca dolce, composta da una molecola chiamata mannitolo (usata come dolcificante alternativo). L’alga saccharina può raggiungere i quattro metri di lunghezza e ha un breve stipite (l’equivalente di un gambo) con strutture laminari, o fronde (l’equivalente delle foglie), senza nervatura centrale, la superficie coperta di vesciche e il bordo ondulato. È una stretta parente della Saccharina japonica, la specie più usata in Giappone per preparare il brodo all’aroma di umami noto come dashi. Molte specie di Saccharina sono note come kombu in giapponese. L’alga saccharina è ricca di vitamine e minerali e può essere aggiunta a zuppe e stufati come ortaggio, usata per preparare tisane, o essiccata e trasformata in sfoglie croccanti. Poiché non ha una buona conservabilità, dev’essere consumata poco dopo essere stata raccolta, oppure essiccata per essere usata successivamente. Nel New England, nel XIX secolo, oltre a essere usata come ortaggio era spesso raccolta dalle spiagge dopo le tempeste e poi interrata negli orti e nei campi per arricchire il suolo. All’inizio del XX secolo, il kelp inizia a essere essiccato e macinato per venderlo come fertilizzante, ma questo uso commerciale svanisce con l’introduzione dei fertilizzanti sintetici nella metà del secolo.

Le alghe marine, in generale, e in particolare l’alga saccharina, sono sempre più apprezzate negli Stati Uniti come alimento salubre, ma molti non sanno che questa risorsa cresce anche vicino a casa. Attualmente, la maggior parte della domanda è invece soddisfatta da kelp importato. Allo stesso tempo, le popolazioni di S. latissima in altre parti del mondo, soprattutto in Norvegia, vivono un forte declino causato anche dall’eutrofizzazione dovuta all’inquinamento da eccesso di sostanze nutritive. Queste sostanze arrivano, in parte, dai deflussi agricoli, compresi i fertilizzanti sintetici. In altre parole, le sostanze chimiche che hanno sostituito il kelp per fertilizzare il suolo oggi minacciano la sopravvivenza delle foreste di kelp. Un altro fattore importante è il riscaldamento degli oceani. È particolarmente allarmante che il Golfo del Maine si stia riscaldando più velocemente del 99% degli oceani del mondo. Con temperature più elevate arrivano specie invasive e acidificazione degli oceani, che minacciano la capacità del kelp di crescere e riprodursi. A sua volta, il declino delle foreste di kelp, enormi sink biosferici, accelera l’acidificazione degli oceani.

Recentemente, l’introduzione dell’alga saccharina nei sistemi di acquacoltura lungo le coste di Long Island e New England ha iniziato ad apportare alcuni benefici economici e ambientali. L’alga saccharina locale, coltivata in modo sostenibile ha un grande potenziale per soddisfare la domanda locale e, allo stesso tempo, pulire le acque costiere, immagazzinare carbonio e fornire l’habitat per altre specie importanti in acquacoltura. Affinché queste nuove attività abbiano successo, è fondamentale che sempre più persone comprendano il valore del kelp in cucina e per la salute del kelp, ricordando che è un alimento tradizionale delle coste del New England.

Torna all'archivio >

Territorio

NazioneStati Uniti
Regione

Connecticut

Maine

New York

Altre informazioni

Categorie

Alghe

Segnalato da:Mimi Edelman